walkabout-ph.com logo

EX-JUGOSLAVIA
"Days of War"
© Paolo Siccardi

© Paolo Siccardi - All rights reserved - Tutti i diritti sono riservati.
siccardi.walkaboutph@gmail.com


© Copyright 2020 - tutti i diritti sono riservati - all rights reserved. art. 70 della Legge 633/1941 sul diritto d'autore È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, delle immagini e dei contenuti presenti nel sito www.walkabout-ph.com
Croazia, Dalmazia 1991 - Militare volontario croato dopo la battaglia per la presa del ponte di Sebenico
1 / 128 ‹   › ‹  1 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 1991 - Militare volontario croato dopo la battaglia per la presa del ponte di Sebenico
Bosnia centrale 1995 - La disperazione di madre e figlia dopo il bombardamento della loro casa.
2 / 128 ‹   › ‹  2 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia centrale 1995 - La disperazione di madre e figlia dopo il bombardamento della loro casa.
Bosnia - Mostar 1993, la rosa di una granata sull'asfalto
3 / 128 ‹   › ‹  3 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia - Mostar 1993, la rosa di una granata sull'asfalto
Zagabria 1991 - Un muro costruito con mattoni che riportano i nomi dei croati dispersi o caduti in guerra.
4 / 128 ‹   › ‹  4 / 128  › pause play enlarge slideshow
Zagabria 1991 - Un muro costruito con mattoni che riportano i nomi dei croati dispersi o caduti in guerra.
Croazia, Dalmazia 1991 - Militari volontari croati dopo la battaglia per la presa del ponte di Sebenico
5 / 128 ‹   › ‹  5 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 1991 - Militari volontari croati dopo la battaglia per la presa del ponte di Sebenico
Croazia dicembre 1991. Civili morti sotto i bombardamenti nella città assediata di  Vukovar
6 / 128 ‹   › ‹  6 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia dicembre 1991. Civili morti sotto i bombardamenti nella città assediata di Vukovar
Croazia 1991, sulla strada verso Okucani in la Slavonia soldati del Battaglione Ustascia salutano con il braccio alzato.
7 / 128 ‹   › ‹  7 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991, sulla strada verso Okucani in la Slavonia soldati del Battaglione Ustascia salutano con il braccio alzato.
Croazia giugno 1992, Spalato in fuga verso la salvezza
8 / 128 ‹   › ‹  8 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia giugno 1992, Spalato in fuga verso la salvezza
Croazia, Dalmazia 1991 - militarie serbo morto sul ponte di Sebenico dopo la battaglia. Il ponte considerato un nodo strategico  dellla costa dalmata
9 / 128 ‹   › ‹  9 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 1991 - militarie serbo morto sul ponte di Sebenico dopo la battaglia. Il ponte considerato un nodo strategico dellla costa dalmata

Bosnia novembre 1994 -  Cinquantamila  profughi musulmani dell'enclave di Bihac fedeli a Fikret Abdic in fuga sulla statale E-59 che collega con Karlovac
10 / 128 ‹   › ‹  10 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia novembre 1994 - Cinquantamila profughi musulmani dell'enclave di Bihac fedeli a Fikret Abdic in fuga sulla statale E-59 che collega con Karlovac
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga  dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
11 / 128 ‹   › ‹  11 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga  dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
12 / 128 ‹   › ‹  12 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga  dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
13 / 128 ‹   › ‹  13 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga  dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
14 / 128 ‹   › ‹  14 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
Bosnia centrale, profughi in fuga dalla pulizia etnica
15 / 128 ‹   › ‹  15 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia centrale, profughi in fuga dalla pulizia etnica
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga  dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
16 / 128 ‹   › ‹  16 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
Bosnia novembre 1994 -  Cinquantamila  profughi musulmani dell'enclave di Bihac fedeli a Fikret Abdic in fuga sulla statale E-59 che collegava Velika Kladusa con Karlovac
17 / 128 ‹   › ‹  17 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia novembre 1994 - Cinquantamila profughi musulmani dell'enclave di Bihac fedeli a Fikret Abdic in fuga sulla statale E-59 che collegava Velika Kladusa con Karlovac
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga  dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
18 / 128 ‹   › ‹  18 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga  dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
19 / 128 ‹   › ‹  19 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia settembre 1994, profughi bosniaci musulmani in fuga dopo la caduta dell'enclave del separatista di Fikret Abdic in una "buffer zone" in attesa di una destinazione.
Croazia 1991. Distruzione dai bombardamenti nella città Osijek
20 / 128 ‹   › ‹  20 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991. Distruzione dai bombardamenti nella città Osijek
Croazia 1991. Occupazione delle caserme dell'JNA da parte dei volontari dell'esercito croato
21 / 128 ‹   › ‹  21 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991. Occupazione delle caserme dell'JNA da parte dei volontari dell'esercito croato
Croazia 30 agosto 1991, sulla strada verso Okucani in Slavonia
22 / 128 ‹   › ‹  22 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 30 agosto 1991, sulla strada verso Okucani in Slavonia
Croazia 1991 - Soldato croato in Slavonia in una casa bombardata
23 / 128 ‹   › ‹  23 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - Soldato croato in Slavonia in una casa bombardata
Croazia agosto 1991. Tutti i soldati volontari croati al  collo portano un crocefisso benedetto.
24 / 128 ‹   › ‹  24 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia agosto 1991. Tutti i soldati volontari croati al collo portano un crocefisso benedetto.
Croazia dicembre 1991. Civili morti sotto i bombardamenti nella città assediata di  Vukovar
25 / 128 ‹   › ‹  25 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia dicembre 1991. Civili morti sotto i bombardamenti nella città assediata di Vukovar
Croazia dicembre 1991. Civili morti sotto i bombardamenti nella città assediata di  Vukovar
26 / 128 ‹   › ‹  26 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia dicembre 1991. Civili morti sotto i bombardamenti nella città assediata di Vukovar
Croazia ottobre 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Karlovac
27 / 128 ‹   › ‹  27 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia ottobre 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Karlovac
Croazia ottobre 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Karlovac
28 / 128 ‹   › ‹  28 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia ottobre 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Karlovac
Croazia ottobre 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Karlovac
29 / 128 ‹   › ‹  29 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia ottobre 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Karlovac
Mostar 1993, bare pronte nell’obitorio dell’ospedale
30 / 128 ‹   › ‹  30 / 128  › pause play enlarge slideshow
Mostar 1993, bare pronte nell’obitorio dell’ospedale
Croazia, Slavonia 1991 - L'entrata dal campo di grano nella città assediata di Vukovar rimasta sotto assedio per 87 giorni da parte dell'Armata Popolare Jugoslava (JNA)
31 / 128 ‹   › ‹  31 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Slavonia 1991 - L'entrata dal campo di grano nella città assediata di Vukovar rimasta sotto assedio per 87 giorni da parte dell'Armata Popolare Jugoslava (JNA)
Croazia 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Osijek
32 / 128 ‹   › ‹  32 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Osijek
Croazia 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Osijek
33 / 128 ‹   › ‹  33 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Osijek
Croazia dicembre 1991 - Gli edifici nella città di Osijek protetti con i sacchi di sabbia
34 / 128 ‹   › ‹  34 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia dicembre 1991 - Gli edifici nella città di Osijek protetti con i sacchi di sabbia
Croazia 1991. Morto sotto i bombardamenti a Osijek, nella mano stringe un sacchetto con vecchie bancanote della Jugoslavia fuori corso
35 / 128 ‹   › ‹  35 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991. Morto sotto i bombardamenti a Osijek, nella mano stringe un sacchetto con vecchie bancanote della Jugoslavia fuori corso
Croazia 1991. Morto sotto i bombardamenti a Osijek, nella mano stringe un sacchetto con vecchie bancanote della Jugoslavia fuori corso
36 / 128 ‹   › ‹  36 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991. Morto sotto i bombardamenti a Osijek, nella mano stringe un sacchetto con vecchie bancanote della Jugoslavia fuori corso
Croazia 1991. Morto sotto i bombardamenti a Osijek, nella mano stringe un sacchetto con vecchie bancanote della Jugoslavia fuori corso
37 / 128 ‹   › ‹  37 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991. Morto sotto i bombardamenti a Osijek, nella mano stringe un sacchetto con vecchie bancanote della Jugoslavia fuori corso
Croazia 1991. Volontari marciano nel centro della città di Osijek
38 / 128 ‹   › ‹  38 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991. Volontari marciano nel centro della città di Osijek
Croazia 1991. Slavonia, la città di Vukovar rimase sotto assedio per 87 giorni da parte dell'Armata Popolare Jugoslava (JNA) con l'appoggio di milizie paramilitari serbe e cadde definitivamente nel novembre del 1991
39 / 128 ‹   › ‹  39 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991. Slavonia, la città di Vukovar rimase sotto assedio per 87 giorni da parte dell'Armata Popolare Jugoslava (JNA) con l'appoggio di milizie paramilitari serbe e cadde definitivamente nel novembre del 1991
Croazia ottobre 1991, Slavonia - civili morti sotto i bombardamenti nella città assediata di  Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
40 / 128 ‹   › ‹  40 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia ottobre 1991, Slavonia - civili morti sotto i bombardamenti nella città assediata di Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
Croazia ottobre 1991, Slavonia - Front-line a Tenja, prima linea croata alla periferia di Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
41 / 128 ‹   › ‹  41 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia ottobre 1991, Slavonia - Front-line a Tenja, prima linea croata alla periferia di Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
Croazia ottobre 1991, Slavonia - Front-line a Tenja, prima linea croata alla periferia di Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
42 / 128 ‹   › ‹  42 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia ottobre 1991, Slavonia - Front-line a Tenja, prima linea croata alla periferia di Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
Croazia agosto del 1991,  civili feriti dai bombardamenti nell’ospedale della città assediata di Vukovar per 87 giorni.
43 / 128 ‹   › ‹  43 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia agosto del 1991, civili feriti dai bombardamenti nell’ospedale della città assediata di Vukovar per 87 giorni.
Croazia dicembre 1991, soldato croata in un edificio bombardato
44 / 128 ‹   › ‹  44 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia dicembre 1991, soldato croata in un edificio bombardato
Croazia 1991 - Soldato croato in un villaggio bombardato in Slavonia
45 / 128 ‹   › ‹  45 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - Soldato croato in un villaggio bombardato in Slavonia
Tuzla, alle otto di sera del 25 maggio 1995, la guerra appena finita e nel giorno di festa della Gioventù di Tuzla, nella piazzetta del paese una granata uccise 71 ragazzi di religione diversa  musulmani, ortodossi e cattolici e tutti sono stati sepolti insieme come sono morti.
46 / 128 ‹   › ‹  46 / 128  › pause play enlarge slideshow
Tuzla, alle otto di sera del 25 maggio 1995, la guerra appena finita e nel giorno di festa della Gioventù di Tuzla, nella piazzetta del paese una granata uccise 71 ragazzi di religione diversa musulmani, ortodossi e cattolici e tutti sono stati sepolti insieme come sono morti.
Tuzla, alle otto di sera del 25 maggio 1995, la guerra appena finita e nel giorno di festa della Gioventù di Tuzla, nella piazzetta del paese una granata uccise 71 ragazzi di religione diversa musulmani, ortodossi e cattolici e tutti sono stati sepolti insieme come sono morti.
47 / 128 ‹   › ‹  47 / 128  › pause play enlarge slideshow
Tuzla, alle otto di sera del 25 maggio 1995, la guerra appena finita e nel giorno di festa della Gioventù di Tuzla, nella piazzetta del paese una granata uccise 71 ragazzi di religione diversa musulmani, ortodossi e cattolici e tutti sono stati sepolti insieme come sono morti.
Tuzla, alle otto di sera del 25 maggio 1995, la guerra appena finita e nel giorno di festa della Gioventù di Tuzla, nella piazzetta del paese una granata uccise 71 ragazzi di religione diversa  musulmani, ortodossi e cattolici e tutti sono stati sepolti insieme come sono morti.
48 / 128 ‹   › ‹  48 / 128  › pause play enlarge slideshow
Tuzla, alle otto di sera del 25 maggio 1995, la guerra appena finita e nel giorno di festa della Gioventù di Tuzla, nella piazzetta del paese una granata uccise 71 ragazzi di religione diversa musulmani, ortodossi e cattolici e tutti sono stati sepolti insieme come sono morti.
Mostar aprile 1993 Tank delle Nazioni Unite missione UNPROFOR sulla green-line che divide la città
49 / 128 ‹   › ‹  49 / 128  › pause play enlarge slideshow
Mostar aprile 1993 Tank delle Nazioni Unite missione UNPROFOR sulla green-line che divide la città
Bosnia. Mostar aprile 1993. Il ponte bailey in ferro costruito per unire la città divisa dal fiume Nerevta.
50 / 128 ‹   › ‹  50 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia. Mostar aprile 1993. Il ponte bailey in ferro costruito per unire la città divisa dal fiume Nerevta.
Bosnia 1993,  preghiera in una palestra adibita a moschea a Mostar est
51 / 128 ‹   › ‹  51 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia 1993, preghiera in una palestra adibita a moschea a Mostar est
Bosnia 1993,  preghiera in una palestra adibita a moschea a Mostar est
52 / 128 ‹   › ‹  52 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia 1993, preghiera in una palestra adibita a moschea a Mostar est
Bosnia Erzegovina - Moschea Karadjoz-Beg (Karađozbegova) a Mostar distrutta dai bombardamenti
53 / 128 ‹   › ‹  53 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia Erzegovina - Moschea Karadjoz-Beg (Karađozbegova) a Mostar distrutta dai bombardamenti
Bosnia, Mostar 1993 - Durante la guerra le persone veniva seppellite nei giardini pubblici in centro città
54 / 128 ‹   › ‹  54 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, Mostar 1993 - Durante la guerra le persone veniva seppellite nei giardini pubblici in centro città
Bosnia, Mostar 1993 - Durante la guerra le persone veniva seppellite nei giardini pubblici in centro città
55 / 128 ‹   › ‹  55 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, Mostar 1993 - Durante la guerra le persone veniva seppellite nei giardini pubblici in centro città
Mostar, il ponte sulla Nerevta distrutto dai bombardamenti
56 / 128 ‹   › ‹  56 / 128  › pause play enlarge slideshow
Mostar, il ponte sulla Nerevta distrutto dai bombardamenti
Bosnia, aprile 1993. Lo Stari Most, il ponte vecchio di Mostar è un ponte ottomano.  Fu costruito nel 1557 dall’architetto Hajrudin Mimar. È stato fatto con 456 blocchi di pietra bianca, che si tengono insieme grazie ad un sistema d’incastri con tasselli e attraversa il fiume Nerevta per unire le due parti della città
57 / 128 ‹   › ‹  57 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, aprile 1993. Lo Stari Most, il ponte vecchio di Mostar è un ponte ottomano. Fu costruito nel 1557 dall’architetto Hajrudin Mimar. È stato fatto con 456 blocchi di pietra bianca, che si tengono insieme grazie ad un sistema d’incastri con tasselli e attraversa il fiume Nerevta per unire le due parti della città
Bosnia, il ponte vecchio di "stari Most ", in una fotografia dopo la distruzione avvenuta durante la guerra  il 9 novembre 1993 e ricostruito come patrimonio Unesco nel 2004
58 / 128 ‹   › ‹  58 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, il ponte vecchio di "stari Most ", in una fotografia dopo la distruzione avvenuta durante la guerra il 9 novembre 1993 e ricostruito come patrimonio Unesco nel 2004
Starigrabovac marzo 1992, civili raccolgono i mattoni nella case bombardate
59 / 128 ‹   › ‹  59 / 128  › pause play enlarge slideshow
Starigrabovac marzo 1992, civili raccolgono i mattoni nella case bombardate
Croazia ottobre 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Karlovac
60 / 128 ‹   › ‹  60 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia ottobre 1991, civili morti sotto i bombardamenti a Karlovac
Bosnia, Mostar 1993
61 / 128 ‹   › ‹  61 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, Mostar 1993
Croazia 1991 -  Dalmazia, sniper croato
62 / 128 ‹   › ‹  62 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - Dalmazia, sniper croato
Croazia 1991 - Un soldato volontario dell'esercito croato prima della battaglia di Okucani in Slavonia stringe tra le mani un rosario benedetto
63 / 128 ‹   › ‹  63 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - Un soldato volontario dell'esercito croato prima della battaglia di Okucani in Slavonia stringe tra le mani un rosario benedetto
Croazia -  Il Parlamento di Zagabria bombardato il 12 di ottobre del 1991 dall'aviazione serba
64 / 128 ‹   › ‹  64 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia - Il Parlamento di Zagabria bombardato il 12 di ottobre del 1991 dall'aviazione serba
Bosnia giugno 1992 linea del fronte croato a Dobro Selo
65 / 128 ‹   › ‹  65 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia giugno 1992 linea del fronte croato a Dobro Selo
Split giugno 1992, famiglie in fuga dalla guerra in Bosnia si imbarcano sulle navi a Spalato per l'Italia.
66 / 128 ‹   › ‹  66 / 128  › pause play enlarge slideshow
Split giugno 1992, famiglie in fuga dalla guerra in Bosnia si imbarcano sulle navi a Spalato per l'Italia.
Split giugno 1992, famiglie in fuga dalla guerra in Bosnia si imbarcano sulle navi a Spalato per l'Italia.
67 / 128 ‹   › ‹  67 / 128  › pause play enlarge slideshow
Split giugno 1992, famiglie in fuga dalla guerra in Bosnia si imbarcano sulle navi a Spalato per l'Italia.
Split giugno 1992, famiglie in fuga dalla guerra in Bosnia si imbarcano sulle navi a Spalato per l'Italia.
68 / 128 ‹   › ‹  68 / 128  › pause play enlarge slideshow
Split giugno 1992, famiglie in fuga dalla guerra in Bosnia si imbarcano sulle navi a Spalato per l'Italia.
Sarajevo, bambini evacuati dalla città sotto assedio con corridoio umanitario
69 / 128 ‹   › ‹  69 / 128  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo, bambini evacuati dalla città sotto assedio con corridoio umanitario
Croazia 1991, giovani fidanzati si salutano al porto di Split prima della partenza per il fronte
70 / 128 ‹   › ‹  70 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991, giovani fidanzati si salutano al porto di Split prima della partenza per il fronte
Bosnia, Mostar 1993 - Green Line che delimita  Il quartiere musulmano della zona est distrutto dai bombardamenti
71 / 128 ‹   › ‹  71 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, Mostar 1993 - Green Line che delimita Il quartiere musulmano della zona est distrutto dai bombardamenti
Bosnia, Mostar 1993 - Green Line che delimita  Il quartiere musulmano della zona est distrutto dai bombardamenti
72 / 128 ‹   › ‹  72 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, Mostar 1993 - Green Line che delimita Il quartiere musulmano della zona est distrutto dai bombardamenti
Bosnia, Mostar 1993 - Il quartiere musulmano della zona est distrutto dai bombardamenti
73 / 128 ‹   › ‹  73 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, Mostar 1993 - Il quartiere musulmano della zona est distrutto dai bombardamenti
Bosnia, Mostar 1994 – il quartiere di Mostar est in mano all’Armja sotto assedio dai Croati dove morirono i tre giornalisti della RAI di Trieste Marco Luchetta, Dario D'Angelo e Alessandro Ota , il  28 gennaio 1994
74 / 128 ‹   › ‹  74 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, Mostar 1994 – il quartiere di Mostar est in mano all’Armja sotto assedio dai Croati dove morirono i tre giornalisti della RAI di Trieste Marco Luchetta, Dario D'Angelo e Alessandro Ota , il 28 gennaio 1994
Bosnia, Mostar 1994 – il quartiere di Mostar est in mano all’Armja sotto assedio dai Croati dove morirono i tre giornalisti della RAI di Trieste Marco Luchetta, Dario D'Angelo e Alessandro Ota , il  28 gennaio 1994
75 / 128 ‹   › ‹  75 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, Mostar 1994 – il quartiere di Mostar est in mano all’Armja sotto assedio dai Croati dove morirono i tre giornalisti della RAI di Trieste Marco Luchetta, Dario D'Angelo e Alessandro Ota , il 28 gennaio 1994
Bosnia, Mostar 1994 – La targa commemorativa ricorda dove sono morti i tre giornalisti della RAI di Trieste Marco Luchetta, Dario D'Angelo e Alessandro Ota , il  28 gennaio 1994 nel quartiere di Mostar est
76 / 128 ‹   › ‹  76 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, Mostar 1994 – La targa commemorativa ricorda dove sono morti i tre giornalisti della RAI di Trieste Marco Luchetta, Dario D'Angelo e Alessandro Ota , il 28 gennaio 1994 nel quartiere di Mostar est
Bosnia ottobre 1995, centro di accoglienza per profughi fuggiti dalla proprie case per la guerra.
77 / 128 ‹   › ‹  77 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia ottobre 1995, centro di accoglienza per profughi fuggiti dalla proprie case per la guerra.
Croazia, Agosto 1991,  centro di accoglienza a Platak per vedove di guerra e bambini orfani.
78 / 128 ‹   › ‹  78 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Agosto 1991, centro di accoglienza a Platak per vedove di guerra e bambini orfani.
Mostar aprile 1993 Tank delle Nazioni Unite missione UNPROFOR sulla green-line che divide la città
79 / 128 ‹   › ‹  79 / 128  › pause play enlarge slideshow
Mostar aprile 1993 Tank delle Nazioni Unite missione UNPROFOR sulla green-line che divide la città
Mostar aprile 1993, base della Nazioni Unite a Jablanica dei Caschi Blu del contingente spagnolo
80 / 128 ‹   › ‹  80 / 128  › pause play enlarge slideshow
Mostar aprile 1993, base della Nazioni Unite a Jablanica dei Caschi Blu del contingente spagnolo
Croazia 1994, Campo di accoglienza UNHCR di Gasinci per profughi musulmani fuggiti dalla guerra in Bosnia. La fotografia di giovani combattenti dell'Armja bosniaca
81 / 128 ‹   › ‹  81 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1994, Campo di accoglienza UNHCR di Gasinci per profughi musulmani fuggiti dalla guerra in Bosnia. La fotografia di giovani combattenti dell'Armja bosniaca
Croazia 1994, Campo di accoglienza UNHCR di Gasinci per profughi musulmani fuggiti dalla guerra in Bosnia. Ex prigioniero bosniaco mostra al lastra RX dei traumi subiti dalle percosse ricevute durante la sua prigionia nei lager.
82 / 128 ‹   › ‹  82 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1994, Campo di accoglienza UNHCR di Gasinci per profughi musulmani fuggiti dalla guerra in Bosnia. Ex prigioniero bosniaco mostra al lastra RX dei traumi subiti dalle percosse ricevute durante la sua prigionia nei lager.
Croazia agosto 1991, sulla strada che porta a Vukovar
83 / 128 ‹   › ‹  83 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia agosto 1991, sulla strada che porta a Vukovar
Croazia marzo 1992, linea di demarcazione tra Croazia e Bosnia nel paese di Stargrabovac - Crossing con le Nazioni Unite.
84 / 128 ‹   › ‹  84 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia marzo 1992, linea di demarcazione tra Croazia e Bosnia nel paese di Stargrabovac - Crossing con le Nazioni Unite.
Croazia marzo 1992, Sophia 76 anni, vive ancora nella sua casa bombardata a Starigrabovac sulla linea del fronte tra Croazia e Bosnia
85 / 128 ‹   › ‹  85 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia marzo 1992, Sophia 76 anni, vive ancora nella sua casa bombardata a Starigrabovac sulla linea del fronte tra Croazia e Bosnia
Bosnia Starigrabovac, Sophia 76 anni, vive ancora nella sua casa bombardata sulla linea del fronte di combattimento
86 / 128 ‹   › ‹  86 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia Starigrabovac, Sophia 76 anni, vive ancora nella sua casa bombardata sulla linea del fronte di combattimento
Croazia 1991, volontaria croata a Karlovac
87 / 128 ‹   › ‹  87 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991, volontaria croata a Karlovac
Croazia 1991. Volontaria arruolata nell'esercito croato a Osijek
88 / 128 ‹   › ‹  88 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991. Volontaria arruolata nell'esercito croato a Osijek
Croazia 1991 Okučani un soldato volontario dell'esercito croato si riposa sulle scale di una casa occupata
89 / 128 ‹   › ‹  89 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 Okučani un soldato volontario dell'esercito croato si riposa sulle scale di una casa occupata
Croazia settembre 1991, alcuni civili si rifugiano al passaggio di un aereo dell'JNA,  all'interno di un vecchio bunker costruito sulla costa dalmata al tempo della guerra fredda
90 / 128 ‹   › ‹  90 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia settembre 1991, alcuni civili si rifugiano al passaggio di un aereo dell'JNA, all'interno di un vecchio bunker costruito sulla costa dalmata al tempo della guerra fredda
Croazia 1991 - Okučani con i volontari dell'esercito croato
91 / 128 ‹   › ‹  91 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - Okučani con i volontari dell'esercito croato
Croazia 1991 - La notte prima della battaglia sul fronte di Okučani con i volontari dell'esercito croato
92 / 128 ‹   › ‹  92 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - La notte prima della battaglia sul fronte di Okučani con i volontari dell'esercito croato
Bosnia giugno 1992 linea del fronte croato a Dobro Selo, Padre Iko mentre celebra la messa ai militari
93 / 128 ‹   › ‹  93 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia giugno 1992 linea del fronte croato a Dobro Selo, Padre Iko mentre celebra la messa ai militari
Croazia 30 agosto 1991, sulla strada verso Okucani in Slavonia
94 / 128 ‹   › ‹  94 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 30 agosto 1991, sulla strada verso Okucani in Slavonia
Croazia 1991, sacchetti di sabbia all'ingresso della città do Osijek
95 / 128 ‹   › ‹  95 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991, sacchetti di sabbia all'ingresso della città do Osijek
Croazia 1991, Karlovac - militare morto in combattimento
96 / 128 ‹   › ‹  96 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991, Karlovac - militare morto in combattimento
Croazia 1991, Karlovac civili morti sotto i bombardamenti
97 / 128 ‹   › ‹  97 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991, Karlovac civili morti sotto i bombardamenti
Croazia ottobre 1991, Slavonia - civili morti sotto i bombardamenti nella città assediata di Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
98 / 128 ‹   › ‹  98 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia ottobre 1991, Slavonia - civili morti sotto i bombardamenti nella città assediata di Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
Croazia 1991, Karlovac civili morti sotto i bombardamenti
99 / 128 ‹   › ‹  99 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991, Karlovac civili morti sotto i bombardamenti
Kraine 1992 - Alcuni tank dell'esercito croato sulla prima linea al confine tra Croazia e Bosnia
100 / 128 ‹   › ‹  100 / 128  › pause play enlarge slideshow
Kraine 1992 - Alcuni tank dell'esercito croato sulla prima linea al confine tra Croazia e Bosnia
Kraine 1992 - Alcuni tank dell'esercito croato sulla prima linea al confine tra Croazia e Bosnia
101 / 128 ‹   › ‹  101 / 128  › pause play enlarge slideshow
Kraine 1992 - Alcuni tank dell'esercito croato sulla prima linea al confine tra Croazia e Bosnia
Croazia dicembre 1991, giovani volontari dell'esercito croato scavano trincee di difesa sotto la neve alle porte di Osijek
102 / 128 ‹   › ‹  102 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia dicembre 1991, giovani volontari dell'esercito croato scavano trincee di difesa sotto la neve alle porte di Osijek
Croazia dicembre 1991, giovani volontari dell'esercito croato scavano trincee di difesa sotto la neve alle porte di Osijek
103 / 128 ‹   › ‹  103 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia dicembre 1991, giovani volontari dell'esercito croato scavano trincee di difesa sotto la neve alle porte di Osijek
Croazia dicembre 1991, giovani volontari dell'esercito croato scavano trincee di difesa sotto la neve alle porte di Osijek
104 / 128 ‹   › ‹  104 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia dicembre 1991, giovani volontari dell'esercito croato scavano trincee di difesa sotto la neve alle porte di Osijek
Croazia 1991. Una chiesa bombardata a Karlovac
105 / 128 ‹   › ‹  105 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991. Una chiesa bombardata a Karlovac
Croazia 1991 una chiesa di Karlovac distrutta dai bombardamenti
106 / 128 ‹   › ‹  106 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 una chiesa di Karlovac distrutta dai bombardamenti
Croazia ottobre 1991, Slavonia - Front-line a Tenja, prima linea croata alla periferia di Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
107 / 128 ‹   › ‹  107 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia ottobre 1991, Slavonia - Front-line a Tenja, prima linea croata alla periferia di Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
Croazia ottobre 1991, Slavonia - Front-line a Tenja, prima linea croata alla periferia di Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
108 / 128 ‹   › ‹  108 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia ottobre 1991, Slavonia - Front-line a Tenja, prima linea croata alla periferia di Vukovar assediata dall'esercito serbo. La città considerata la Stalingrado croata cadrà dopo 87 giorni di assedio nel novembre del 1991
Croazia settembre 1991, bombardamenti su Zara
109 / 128 ‹   › ‹  109 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia settembre 1991, bombardamenti su Zara
Croazia settembre 1991, Dalmazia- militari croati
110 / 128 ‹   › ‹  110 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia settembre 1991, Dalmazia- militari croati
Croazia 20 settembre 1991, volontari militari croati dopo la presa al ponte di Sebenico
111 / 128 ‹   › ‹  111 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 20 settembre 1991, volontari militari croati dopo la presa al ponte di Sebenico
Croazia, Dalmazia 20-09-1991 - Militari volontari croati dopo la battaglia per la presa del ponte di Sebenico
112 / 128 ‹   › ‹  112 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 20-09-1991 - Militari volontari croati dopo la battaglia per la presa del ponte di Sebenico
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico
113 / 128 ‹   › ‹  113 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico
Croazia 1991 - Dalmazia, un Mig dell'esercito Federale Jugoslavo sorvola le case di Zara
114 / 128 ‹   › ‹  114 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - Dalmazia, un Mig dell'esercito Federale Jugoslavo sorvola le case di Zara
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico
115 / 128 ‹   › ‹  115 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico
Croazia 1991 - Civili con le armi a Sebenico in Dalmazia
116 / 128 ‹   › ‹  116 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - Civili con le armi a Sebenico in Dalmazia
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico. Due soldati volontari croati infilzano simbolicamente la bandiera dell'esercito Federale
117 / 128 ‹   › ‹  117 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico. Due soldati volontari croati infilzano simbolicamente la bandiera dell'esercito Federale
Croazia 1991 - Dalmazia, civili all'interno di un bunker per proteggersi dai Mig che sorvolano il territorio
118 / 128 ‹   › ‹  118 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - Dalmazia, civili all'interno di un bunker per proteggersi dai Mig che sorvolano il territorio
Croazia, Dalmazia 1991 - sniper croati
119 / 128 ‹   › ‹  119 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 1991 - sniper croati
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico
120 / 128 ‹   › ‹  120 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico
121 / 128 ‹   › ‹  121 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico
122 / 128 ‹   › ‹  122 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 1991 - Battaglia per la presa del ponte di Sebenico
Croazia, Dalmazia 1991 - Sminamento dopo la battaglia del ponte di Sebenico.
123 / 128 ‹   › ‹  123 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia, Dalmazia 1991 - Sminamento dopo la battaglia del ponte di Sebenico.
Bosnia giugno 1992 Distruzioni di una scuola a Dobro Selo
124 / 128 ‹   › ‹  124 / 128  › pause play enlarge slideshow
Bosnia giugno 1992 Distruzioni di una scuola a Dobro Selo
Croazia 1991 - Funerale di civili morti nei bombardamenti sulla città di Osijek in Slavonia
125 / 128 ‹   › ‹  125 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - Funerale di civili morti nei bombardamenti sulla città di Osijek in Slavonia
Croazia 1991, funerali dei civili morti sotto i bombardamenti a Osijek
126 / 128 ‹   › ‹  126 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991, funerali dei civili morti sotto i bombardamenti a Osijek
Croazia 1991 - Funerale di civili morti nei bombardamenti sulla città di Osijek in Slavonia
127 / 128 ‹   › ‹  127 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - Funerale di civili morti nei bombardamenti sulla città di Osijek in Slavonia
Croazia 1991 - Funerale di civili morti nei bombardamenti sulla città di Osijek in Slavonia
128 / 128 ‹   › ‹  128 / 128  › pause play enlarge slideshow
Croazia 1991 - Funerale di civili morti nei bombardamenti sulla città di Osijek in Slavonia
Share
Link
https://www.walkabout-ph.com/ex_jugoslavia_days_of_war_copy_paolo_siccardi-r10631
CLOSE
loading