walkabout-ph.com logo
EX-JUGOSLAVIA  "Sarajevo, 1425 days of siege"   © Paolo Siccardi, © Paolo Siccardi - All rights reserved - Tutti i diritti sono riservati. siccardi.walkaboutph@gmail.com © Copyright 2020 - tutti i diritti sono riservati - all rights reserved. art. 70
« < >

EX-JUGOSLAVIA
"Sarajevo, 1425 days of siege"
© Paolo Siccardi

© Paolo Siccardi - All rights reserved - Tutti i diritti sono riservati.
siccardi.walkaboutph@gmail.com

© Copyright 2020 - tutti i diritti sono riservati - all rights reserved. art. 70 della Legge 633/1941 sul diritto d'autore È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, delle immagini e dei contenuti presenti nel sito www.walkabout-ph.com

L'assedio di Sarajevo è stato il più lungo assedio nella storia bellica della fine del XX secolo, iniziato 5 aprile del 1992 fino al 29 febbraio 1996. Un assedio durato 1425 giorni, le vittime stimane sono state circa 12.000 e i feriti oltre 50.000. Vide scontrarsi le forze del governo bosniaco , che aveva dichiarato l’indipendenza dalla Jugoslavia contro l'Armata Popolare Jugoslava (JNA) e le forze serbo-bosniache (VRS), che miravano a distruggere il neo-indipendente stato della Bosnia ed Erzegovina e a creare la Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina.


Sarajevo 1993 - La città assediata per 1425 giorni, tenuta sotto costante bombardamento. Zmaja od Bosne, tristemente nota come “Viale dei Cecchini” (Sniper Alley), che collega 
la periferie al centro città e bisognava percorrerlo a più di 120 chilometri orari per non essere colpiti dagli sniper che sparavano dalla collina.
1 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993 - La città assediata per 1425 giorni, tenuta sotto costante bombardamento. Zmaja od Bosne, tristemente nota come “Viale dei Cecchini” (Sniper Alley), che collega
la periferie al centro città e bisognava percorrerlo a più di 120 chilometri orari per non essere colpiti dagli sniper che sparavano dalla collina.
Sarajevo 1993 - Le Torri gemelle UNIS danneggiate dai bombardamenti dall'esercito serbo che sparava dalla collina
2 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993 - Le Torri gemelle UNIS danneggiate dai bombardamenti dall'esercito serbo che sparava dalla collina
Una fotografia del Maresciallo Tito, padre della Jugoslavia capitolata all’inizio degli Anni 90, tra le macerie di una scuola elementare distrutta dai bombardamenti. (gennaio 1993)
3 / 136 enlarge slideshow
Una fotografia del Maresciallo Tito, padre della Jugoslavia capitolata all’inizio degli Anni 90, tra le macerie di una scuola elementare distrutta dai bombardamenti. (gennaio 1993)
Sarajevo 1993, la sede del Parlamento della Bosnia Erzegovina bruciato dopo ripetuti bombardamenti sulla città assediata
4 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993, la sede del Parlamento della Bosnia Erzegovina bruciato dopo ripetuti bombardamenti sulla città assediata
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda con l'artiglieria dalle colline intorno alla città - Tank delle Nazioni Unite
5 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda con l'artiglieria dalle colline intorno alla città - Tank delle Nazioni Unite
 Bosnia 1993 - Un bambino gioca con la coda di una bomba nella città assediata di Sarajevo
6 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Un bambino gioca con la coda di una bomba nella città assediata di Sarajevo
Sarajevo febbraio 1994, la disperazione di alcune donne pochi giorni dopo il massacro di Markale.
7 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo febbraio 1994, la disperazione di alcune donne pochi giorni dopo il massacro di Markale.
Sabato 5 febbraio alle 12 e 10 un colpo di mortaio sparato dai serbi esplode sul mercato di Sarajevo: il bilancio è di sessantotto morti e duecento feriti. Padre e figlio 
pregano all’indomani della strage di “Markale” la morte della mamma
8 / 136 enlarge slideshow
Sabato 5 febbraio alle 12 e 10 un colpo di mortaio sparato dai serbi esplode sul mercato di Sarajevo: il bilancio è di sessantotto morti e duecento feriti. Padre e figlio
pregano all’indomani della strage di “Markale” la morte della mamma
La strage di “Markale”. Sabato 5 febbraio del 1994 alle 12 e 10 un colpo di mortaio sparato dai serbi esplode sul mercato di Sarajevo: il bilancio è di sessantotto morti e duecento feriti.
9 / 136 enlarge slideshow
La strage di “Markale”. Sabato 5 febbraio del 1994 alle 12 e 10 un colpo di mortaio sparato dai serbi esplode sul mercato di Sarajevo: il bilancio è di sessantotto morti e duecento feriti.
Sabato 5 febbraio alle 12 e 10 un colpo di mortaio sparato dai serbi esplode sul mercato di Sarajevo: il bilancio è di sessantotto morti e duecento feriti.
10 / 136 enlarge slideshow
Sabato 5 febbraio alle 12 e 10 un colpo di mortaio sparato dai serbi esplode sul mercato di Sarajevo: il bilancio è di sessantotto morti e duecento feriti.
Sarajevo 1993. Cecchino bosniaco nascosto in una casa distrutta spara alle postazioni serbe arroccate sulle colline.
11 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993. Cecchino bosniaco nascosto in una casa distrutta spara alle postazioni serbe arroccate sulle colline.
Sarajevo 1993. Una ragazza sfida la sorte attraversando di corsa il “viale dei cecchini”. A Sarajevo gli “sniper”  sparavano indiscriminatamente sulla popolazione. 
Erano appostati sulla collina che sovrasta la città: le vittime furono centinaia.
12 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993. Una ragazza sfida la sorte attraversando di corsa il “viale dei cecchini”. A Sarajevo gli “sniper” sparavano indiscriminatamente sulla popolazione.
Erano appostati sulla collina che sovrasta la città: le vittime furono centinaia.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Carcasse di tram e automobili abbandonati lungo Obala che costeggia il fiume Miliacka dopo il bombardamento del 2 Maggio 1992
13 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Carcasse di tram e automobili abbandonati lungo Obala che costeggia il fiume Miliacka dopo il bombardamento del 2 Maggio 1992
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Marsala Tito distrutta dai bombardamenti
14 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Marsala Tito distrutta dai bombardamenti
Bosnia - settembre 1993, Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Un padre con suo figlio nel quartiere di Skenderja
15 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - settembre 1993, Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Un padre con suo figlio nel quartiere di Skenderja
Sarajevo 1992. Vedran Smailovic, primo violoncellista della Filarmonica di Sarajevo, suona per 22 giorni “L’Adagio in Sol minore” di Albinoni 
tra le rotaie e i treni divelti dalle esplosioni. Ricorda in questo modo i sedici civili uccisi il 27 maggio 1992 da un colpo di mortaio mentre facevano 
la fila per comprare il pane.
16 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1992. Vedran Smailovic, primo violoncellista della Filarmonica di Sarajevo, suona per 22 giorni “L’Adagio in Sol minore” di Albinoni
tra le rotaie e i treni divelti dalle esplosioni. Ricorda in questo modo i sedici civili uccisi il 27 maggio 1992 da un colpo di mortaio mentre facevano
la fila per comprare il pane.
Bosnia - La città di Sarajevo assediata  per 1425 giorni.
17 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - La città di Sarajevo assediata per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Bambini giocano sui tram distrutti dai bombardamenti
18 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Bambini giocano sui tram distrutti dai bombardamenti
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Bambini giocano sui tram distrutti dai bombardamenti
19 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Bambini giocano sui tram distrutti dai bombardamenti
Due giovani grafici designer di Sarajevo Dalida e Bojan Hadzihalilovic anche durante la guerra non si sono mai fermati con il loro lavoro 
e hanno ridisegnato i più famosi manifesti e momenti della storia nell’ambientazione della città assediata.
20 / 136 enlarge slideshow
Due giovani grafici designer di Sarajevo Dalida e Bojan Hadzihalilovic anche durante la guerra non si sono mai fermati con il loro lavoro
e hanno ridisegnato i più famosi manifesti e momenti della storia nell’ambientazione della città assediata.
Sarajevo settembre 1993. Nella notte tra il 25 e il 26 agosto 1993, 
Dopo un bombardamento intenso da parte dell’artiglieria serba sulle 
colline della città viene completamente distrutta la  Biblioteca 
nazionale di Bosnia adiacente al quartiere storico di Bascarsjia.
21 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo settembre 1993. Nella notte tra il 25 e il 26 agosto 1993,
Dopo un bombardamento intenso da parte dell’artiglieria serba sulle
colline della città viene completamente distrutta la Biblioteca
nazionale di Bosnia adiacente al quartiere storico di Bascarsjia.
Sarajevo settembre 1993. Nella notte tra il 25 e il 26 agosto 1993, 
Dopo un bombardamento intenso da parte dell’artiglieria serba sulle 
colline della città viene completamente distrutta la  Biblioteca 
nazionale di Bosnia adiacente al quartiere storico di Bascarsjia.
22 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo settembre 1993. Nella notte tra il 25 e il 26 agosto 1993,
Dopo un bombardamento intenso da parte dell’artiglieria serba sulle
colline della città viene completamente distrutta la Biblioteca
nazionale di Bosnia adiacente al quartiere storico di Bascarsjia.
Sarajevo settembre 1993. Nella notte tra il 25 e il 26 agosto 1993, 
Dopo un bombardamento intenso da parte dell’artiglieria serba sulle 
colline della città viene completamente distrutta la  Biblioteca 
nazionale di Bosnia adiacente al quartiere storico di Bascarsjia.
23 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo settembre 1993. Nella notte tra il 25 e il 26 agosto 1993,
Dopo un bombardamento intenso da parte dell’artiglieria serba sulle
colline della città viene completamente distrutta la Biblioteca
nazionale di Bosnia adiacente al quartiere storico di Bascarsjia.
Bosnia, Sarajevo. La rosa di una granata nel pavimento del “tunnel della salvezza” a Sarajevo scavato durante l’assedio della città di Sarajevo sotto la pista dell'aeroporto
24 / 136 enlarge slideshow
Bosnia, Sarajevo. La rosa di una granata nel pavimento del “tunnel della salvezza” a Sarajevo scavato durante l’assedio della città di Sarajevo sotto la pista dell'aeroporto
Bosnia - settembre 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline
25 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - settembre 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
26 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
27 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
28 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
Sarajevo febbraio 1994. Coda alla Caritas per la distribuzione dei viveri alimentari.
29 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo febbraio 1994. Coda alla Caritas per la distribuzione dei viveri alimentari.
Distribuzione di aiuti umanitari alla popolazione in un centro Caritas in Stari Grad  (febbraio 1994)
30 / 136 enlarge slideshow
Distribuzione di aiuti umanitari alla popolazione in un centro Caritas in Stari Grad (febbraio 1994)
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Venditori di legna e carbone per la strada
31 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Venditori di legna e carbone per la strada
Bosnia - Venditore di singole sigarette nelle strade di Sarajevo durante l'assedio
32 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Venditore di singole sigarette nelle strade di Sarajevo durante l'assedio
Sarajevo - Il 22 gennaio del 1994 una granata sparata dalle postazione serbe sulla collina  esplode su un gruppo di bambini, provocandone la morte di sei 
L’evento viene ricordato come “la strage degli slittini”
33 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo - Il 22 gennaio del 1994 una granata sparata dalle postazione serbe sulla collina esplode su un gruppo di bambini, provocandone la morte di sei
L’evento viene ricordato come “la strage degli slittini”
Sarajevo, città assediata per 1425 giorni - Il fiume Miljacka che attraversa la città
34 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo, città assediata per 1425 giorni - Il fiume Miljacka che attraversa la città
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Una scuola improvvisata nelle scantinato di una casa nel quartiere periferico di Dobrinja
35 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Una scuola improvvisata nelle scantinato di una casa nel quartiere periferico di Dobrinja
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Una scuola distrutta dai bombardamenti nel quartiere periferico di Dobrinja
36 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Una scuola distrutta dai bombardamenti nel quartiere periferico di Dobrinja
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Una scuola improvvisata nelle scantinato di una casa nel quartiere periferico di Dobrinja
37 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Una scuola improvvisata nelle scantinato di una casa nel quartiere periferico di Dobrinja
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Una scuola distrutta dai bombardamenti nel quartiere periferico di Dobrinja
38 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Una scuola distrutta dai bombardamenti nel quartiere periferico di Dobrinja
Entrata al tunnel scavato durante l’assedio della città di Sarajevo sotto la pista dell'aeroporto
39 / 136 enlarge slideshow
Entrata al tunnel scavato durante l’assedio della città di Sarajevo sotto la pista dell'aeroporto
Bosnia - Tunnel scavato clandestinamente dai bosniaci che partiva dal quartiere periferico di Dobrinja e passava sotto la pista dell'aeroporto di Sarajevo
40 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Tunnel scavato clandestinamente dai bosniaci che partiva dal quartiere periferico di Dobrinja e passava sotto la pista dell'aeroporto di Sarajevo
Sarajevo. Una granata conficcata nel terreno del pavimento all'entrata del “tunnel della salvezza” a Sarajevo scavato durante l’assedio della città sotto la pista dell'aeroporto
41 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo. Una granata conficcata nel terreno del pavimento all'entrata del “tunnel della salvezza” a Sarajevo scavato durante l’assedio della città sotto la pista dell'aeroporto
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata per 1425 giorni dall'esercito serbo che bombarda la città dalla collina. Alcuni bambini davanti alla tomba di un loro compagno 
in un  cimitero improvvisato nel quartiere periferico di Dobrinja
42 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata per 1425 giorni dall'esercito serbo che bombarda la città dalla collina. Alcuni bambini davanti alla tomba di un loro compagno
in un cimitero improvvisato nel quartiere periferico di Dobrinja
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata per 1425 giorni dall'esercito serbo che bombarda la città dalla collina. Un cimitero improvvisato nel quartiere periferico di Dobrinja
43 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata per 1425 giorni dall'esercito serbo che bombarda la città dalla collina. Un cimitero improvvisato nel quartiere periferico di Dobrinja
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata per 1425 giorni dall'esercito serbo che bombarda la città dalla collina. Un cimitero improvvisato nel quartiere periferico di Dobrinja
44 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata per 1425 giorni dall'esercito serbo che bombarda la città dalla collina. Un cimitero improvvisato nel quartiere periferico di Dobrinja
Sarajevo 1993 - Distruzione nel quartiere di Dobrinja nella città assediata dalle truppe serbe
45 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993 - Distruzione nel quartiere di Dobrinja nella città assediata dalle truppe serbe
Sarajevo 1993 - Bambini giocano alla guerra nel quartiere di Dobrinja  nella città assediata dalle truppe serbe
46 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993 - Bambini giocano alla guerra nel quartiere di Dobrinja nella città assediata dalle truppe serbe
Bosnia 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
47 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
Bosnia 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
48 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
Bosnia dicembre 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
49 / 136 enlarge slideshow
Bosnia dicembre 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
Sarajevo 11 dicembre 1992 , Darko di dodici mesi nato dallo stupro di un militare delle milizie irregolari serbe 
e abbandonato dalla mamma nel reparto pediatrico dell’ospedale Kosevo di Sarajevo.
50 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 11 dicembre 1992 , Darko di dodici mesi nato dallo stupro di un militare delle milizie irregolari serbe
e abbandonato dalla mamma nel reparto pediatrico dell’ospedale Kosevo di Sarajevo.
Bosnia 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
51 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
Bosnia settembre 1993 - Arrivo all'ospedale Kosevo dei civili feriti da schegge dei bombardamenti
52 / 136 enlarge slideshow
Bosnia settembre 1993 - Arrivo all'ospedale Kosevo dei civili feriti da schegge dei bombardamenti
Sarajevo 1992 - Arrivo dei civili feriti dai bombardamenti sulla  città assediata  all'ospedale Kosevo
53 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1992 - Arrivo dei civili feriti dai bombardamenti sulla città assediata all'ospedale Kosevo
Bosnia 1992 - Arrivo all'ospedale Kosevo dei civili feriti da schegge dei bombardamenti
54 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1992 - Arrivo all'ospedale Kosevo dei civili feriti da schegge dei bombardamenti
Sarajevo dicembre 1992 - Operazione di un civile ferito da schegge di granata alla testa all'ospedale Kosevo
55 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo dicembre 1992 - Operazione di un civile ferito da schegge di granata alla testa all'ospedale Kosevo
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo
56 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
57 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
58 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
Bosnia dicembre 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
59 / 136 enlarge slideshow
Bosnia dicembre 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
Bosnia dicembre 1992 - Barelle insanguinate  davanti l'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
60 / 136 enlarge slideshow
Bosnia dicembre 1992 - Barelle insanguinate davanti l'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico infantile di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo
61 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico infantile di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo
62 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo
63 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo. Veterano della guerra con problemi di riabilitazione
64 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo. Veterano della guerra con problemi di riabilitazione
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo
65 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1995. Drin Ospedale neuro-psichiatrico di Fojnica a pochi chilometri da Sarajevo
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
66 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
67 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Stari grad
68 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Stari grad
Bosnia 1992- Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
69 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1992- Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. l'Hotel Europa distrutto dai bombardamenti
70 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. l'Hotel Europa distrutto dai bombardamenti
Bosnia 1993 - Hotel Europa distrutto dai bombardamenti
71 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Hotel Europa distrutto dai bombardamenti
Bosnia - 1992 Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
72 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - 1992 Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Markale, mercato storico della città
73 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Markale, mercato storico della città
Sarajevo assediata per 1425 giorni - Il mercato coperto di Sarajevo
74 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo assediata per 1425 giorni - Il mercato coperto di Sarajevo
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. In coda per riempire le bottiglie con l'acqua dalle fontane pubbliche della città
75 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. In coda per riempire le bottiglie con l'acqua dalle fontane pubbliche della città
Sarajevo 1994 - Distribuzione dell'acqua potabile per rifornire gli abitanti della città assediata dalle truppe serbe che bombardavano dalle montagne circostanti.
76 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1994 - Distribuzione dell'acqua potabile per rifornire gli abitanti della città assediata dalle truppe serbe che bombardavano dalle montagne circostanti.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. In coda per riempire le bottiglie con l'acqua dalle fontane pubbliche della città
77 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. In coda per riempire le bottiglie con l'acqua dalle fontane pubbliche della città
Sarajevo 1994 - Distribuzione dell'acqua potabile per rifornire gli abitanti della città assediata dalle truppe serbe che bombardavano dalle montagne circostanti.
78 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1994 - Distribuzione dell'acqua potabile per rifornire gli abitanti della città assediata dalle truppe serbe che bombardavano dalle montagne circostanti.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. In coda per riempire le bottiglie con l'acqua dalle fontane pubbliche della città
79 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. In coda per riempire le bottiglie con l'acqua dalle fontane pubbliche della città
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Taniche dell'acqua lungo il fiume Miliacka
80 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni. Taniche dell'acqua lungo il fiume Miliacka
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
81 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
82 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
83 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
84 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
85 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
Sarajevo, Una partita a scacchi nel quartiere periferico distrutto dai bombardamenti di Dobrinja
86 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo, Una partita a scacchi nel quartiere periferico distrutto dai bombardamenti di Dobrinja
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Mamma e figlia lavano i panni nel  fiume Miljacka per la mancanza di acqua corrente nella propria casa
87 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni. Mamma e figlia lavano i panni nel fiume Miljacka per la mancanza di acqua corrente nella propria casa
Sarajevo dicembre 1992 - I 500 pacifisti italiani entrano nella città assediata per la marcia della pace sfidando la guerra.
88 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo dicembre 1992 - I 500 pacifisti italiani entrano nella città assediata per la marcia della pace sfidando la guerra.
Il 7 dicembre del 1992 un gruppo di 500 pacifisti dei "Beati costruttori di Pace" con Monsignor Tonino Bello entrano nella città assediata di Sarajevo in occasione 
del 10 dicembre Giornata internazionale dei diritti umani.
89 / 136 enlarge slideshow
Il 7 dicembre del 1992 un gruppo di 500 pacifisti dei "Beati costruttori di Pace" con Monsignor Tonino Bello entrano nella città assediata di Sarajevo in occasione
del 10 dicembre Giornata internazionale dei diritti umani.
Il 7 dicembre del 1992 un gruppo di 500 pacifisti dei "Beati costruttori di Pace" con Monsignor Tonino Bello entrano nella città assediata di Sarajevo in occasione 
del 10 dicembre Giornata internazionale dei diritti umani.
90 / 136 enlarge slideshow
Il 7 dicembre del 1992 un gruppo di 500 pacifisti dei "Beati costruttori di Pace" con Monsignor Tonino Bello entrano nella città assediata di Sarajevo in occasione
del 10 dicembre Giornata internazionale dei diritti umani.
Sarajevo 10 dicembre 1992 fiaccolata per la giornata mondiale dei diritti umani
91 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 10 dicembre 1992 fiaccolata per la giornata mondiale dei diritti umani
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
92 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
93 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
Gli “Angeli” dipinti sui Jersey di cemento dai giovani artisti e posizionati agli incroci delle strade più pericolose in Maršala Tito servivano ai passanti 
come protezione per non essere colpiti dai cecchini che sparavano dalla collina (febbraio 1993)
94 / 136 enlarge slideshow
Gli “Angeli” dipinti sui Jersey di cemento dai giovani artisti e posizionati agli incroci delle strade più pericolose in Maršala Tito servivano ai passanti
come protezione per non essere colpiti dai cecchini che sparavano dalla collina (febbraio 1993)
Sarajevo 1993 - Gli studi improvvisati in uno scantinato della televisione Dobrinja
95 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993 - Gli studi improvvisati in uno scantinato della televisione Dobrinja
Sarajevo 1993 - Gli studi improvvisati in uno scantinato della televisione Dobrinja
96 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993 - Gli studi improvvisati in uno scantinato della televisione Dobrinja
Sarajevo, giovane attrice si prepara per andare in scena al teatro Kamrini 55 in Marsala Tito che per tutto il periodo della guerra è rimasto aperto facendo gli spettacoli senza mai fermarsi.
97 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo, giovane attrice si prepara per andare in scena al teatro Kamrini 55 in Marsala Tito che per tutto il periodo della guerra è rimasto aperto facendo gli spettacoli senza mai fermarsi.
Bombardamenti su Sarajevo, città assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
98 / 136 enlarge slideshow
Bombardamenti su Sarajevo, città assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
99 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
Sarajevo città assediata per 1425 giorni - Il ponte di Skenderja che attraversa il fiume Miljacka
100 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo città assediata per 1425 giorni - Il ponte di Skenderja che attraversa il fiume Miljacka
Sarajevo 1993, la sede del Parlamento della Bosnia Erzegovina bruciato dopo ripetuti bombardamenti sulla città assediata
101 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993, la sede del Parlamento della Bosnia Erzegovina bruciato dopo ripetuti bombardamenti sulla città assediata
Sarajevo città assediata per 1425 giorni - Il ponte di Skenderja che attraversa il fiume Miljacka
102 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo città assediata per 1425 giorni - Il ponte di Skenderja che attraversa il fiume Miljacka
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
103 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
104 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
105 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
Bosnia - La città di Sarajevo assediata  per 1425 giorni.
106 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - La città di Sarajevo assediata per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
107 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
Sarajevo 1992, Posto di controllo delle Nazioni Unite a Grbavica - United National ceck-controll in Grbavica
108 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1992, Posto di controllo delle Nazioni Unite a Grbavica - United National ceck-controll in Grbavica
Sarajevo 1992, Posto di controllo delle Nazioni Unite a Grbavica - United National ceck-controll in Grbavica
109 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1992, Posto di controllo delle Nazioni Unite a Grbavica - United National ceck-controll in Grbavica
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
110 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1425 giorni.
Bosnia - Sarajevo città assediata per 1425 giorni
111 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo città assediata per 1425 giorni
Bosnia - Sarajevo città assediata per 1425 giorni
112 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo città assediata per 1425 giorni
Sarajevo 1993. Durante l'assediata di Sarajevo i morti venivano sepolti nel cimitero improvvisato davanti allo stadio.
113 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993. Durante l'assediata di Sarajevo i morti venivano sepolti nel cimitero improvvisato davanti allo stadio.
Sarajevo 1993, assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline intorno alla città. Irma di 12 anni sepolta nel cimitero improvvisato davanti allo stadio.
114 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993, assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline intorno alla città. Irma di 12 anni sepolta nel cimitero improvvisato davanti allo stadio.
Sarajevo 1993. La città assediata dall'esercito serbo che bombardava dalle colline e i morti venivano sepolti nel cimitero improvvisato davanti allo stadio.
115 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993. La città assediata dall'esercito serbo che bombardava dalle colline e i morti venivano sepolti nel cimitero improvvisato davanti allo stadio.
Sarajevo 1994. Sacchi di sabbia a protezione degli edifici nella città assediata
116 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1994. Sacchi di sabbia a protezione degli edifici nella città assediata
Sarajevo, Lo sfregio di una granata su di un palazzo di Sarajevo sotto assedio per 1425 giorni
117 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo, Lo sfregio di una granata su di un palazzo di Sarajevo sotto assedio per 1425 giorni
Bosnia - Sarajevo città assediata per 1425 giorni
118 / 136 enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo città assediata per 1425 giorni
Sarajevo 1993, ufficio postale distrutto dai bombardamenti
119 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993, ufficio postale distrutto dai bombardamenti
Sarajevo 1993. Alcune case bruciano dopo i bombardamenti sulla città assediata
120 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993. Alcune case bruciano dopo i bombardamenti sulla città assediata
Bosnia ottobre 1995, ragazze bosniache di Fojnica indossano abiti disegnati da una stilista fatti con materiale di recupero dalle coperte dell’UNHCR.
121 / 136 enlarge slideshow
Bosnia ottobre 1995, ragazze bosniache di Fojnica indossano abiti disegnati da una stilista fatti con materiale di recupero dalle coperte dell’UNHCR.
Bosnia ottobre 1995, ragazze bosniache di Fojnica indossano abiti disegnati da una stilista fatti con materiale di recupero dalle coperte dell’UNHCR.
122 / 136 enlarge slideshow
Bosnia ottobre 1995, ragazze bosniache di Fojnica indossano abiti disegnati da una stilista fatti con materiale di recupero dalle coperte dell’UNHCR.
Aeroporto di Sarajevo arrivo del Generale Philippe Morillon operazione Unprofor
123 / 136 enlarge slideshow
Aeroporto di Sarajevo arrivo del Generale Philippe Morillon operazione Unprofor
Aeroporto di Sarajevo arrivo del Generale Philippe Morillon operazione Unprofor
124 / 136 enlarge slideshow
Aeroporto di Sarajevo arrivo del Generale Philippe Morillon operazione Unprofor
Bosnia dicembre 1992. Comando delle Nazioni Unite ONU a Kiselyak, pochi chilometri da Sarajevo
125 / 136 enlarge slideshow
Bosnia dicembre 1992. Comando delle Nazioni Unite ONU a Kiselyak, pochi chilometri da Sarajevo
Sarajevo 1994 Hotel HolidayInn, il giornalista di Mediaset Antonio Capuozzo
126 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1994 Hotel HolidayInn, il giornalista di Mediaset Antonio Capuozzo
EX-JUGOSLAVIA<br> "Sarajevo, 1425 days of siege" <br> © Paolo Siccardi
127 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda con l'artiglieria dalle colline intorno alla città -  Tank delle Nazioni Unite
128 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda con l'artiglieria dalle colline intorno alla città - Tank delle Nazioni Unite
Sarajevo 12.12.1992, marcia dei 500 pacifisti italiani nella città assediata
129 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 12.12.1992, marcia dei 500 pacifisti italiani nella città assediata
Sarajevo 1993 - La redazione del giornale Oslobodenje completamente distrutta dalle granate sparate dai serbi
130 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1993 - La redazione del giornale Oslobodenje completamente distrutta dalle granate sparate dai serbi
Sarajevo febbraio 1994 - redazione nei sotterranei del giornale Oslobodenje, unico quotidiano che tutti i giorni durante la guerra non ha smesso mai di funzionare. 
I giornalisti si davano turni di 48 ore all'interno della redazione per paura dei bombardamenti.
131 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo febbraio 1994 - redazione nei sotterranei del giornale Oslobodenje, unico quotidiano che tutti i giorni durante la guerra non ha smesso mai di funzionare.
I giornalisti si davano turni di 48 ore all'interno della redazione per paura dei bombardamenti.
Sarajevo febbraio 1994 - redazione nei sotterranei del giornale Oslobodenje, unico quotidiano che tutti i giorni durante la guerra non ha smesso mai di funzionare. 
I giornalisti si davano turni di 48 ore all'interno della redazione per paura dei bombardamenti.
132 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo febbraio 1994 - redazione nei sotterranei del giornale Oslobodenje, unico quotidiano che tutti i giorni durante la guerra non ha smesso mai di funzionare.
I giornalisti si davano turni di 48 ore all'interno della redazione per paura dei bombardamenti.
Sarajevo febbraio 1994 - redazione nei sotterranei del giornale Oslobodenje, unico quotidiano che tutti i giorni durante la guerra non ha smesso mai di funzionare. 
I giornalisti si davano turni di 48 ore all'interno della redazione per paura dei bombardamenti.
133 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo febbraio 1994 - redazione nei sotterranei del giornale Oslobodenje, unico quotidiano che tutti i giorni durante la guerra non ha smesso mai di funzionare.
I giornalisti si davano turni di 48 ore all'interno della redazione per paura dei bombardamenti.
Sarajevo 1994. Nella città assediata di Sarajevo, la posta usciva con i voli delle Nazioni Unite.
134 / 136 enlarge slideshow
Sarajevo 1994. Nella città assediata di Sarajevo, la posta usciva con i voli delle Nazioni Unite.
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
135 / 136 enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1425 giorni.
Nella città assediata di Sarajevo per 1425 giorni, un padre con suo figlio attraversa  il quartiere distrutto di Skenderja (settembre 1993)
136 / 136 enlarge slideshow
Nella città assediata di Sarajevo per 1425 giorni, un padre con suo figlio attraversa il quartiere distrutto di Skenderja (settembre 1993)
ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Accetta
Accept
Rifiuta
Reject
Personalizza
Customize
Link
https://www.walkabout-ph.com/ex_jugoslavia_sarajevo_1425_days_of_siege_copy_paolo_siccardi-r10641

Share on
/

Chiudi
Close
loading