walkabout-ph.com logo

SARAJEVO
"1272 days of siege"
(Paolo Siccardi)

© Paolo Siccardi - All rights reserved - Tutti i diritti sono riservati.
siccardi.walkaboutph@gmail.com

L'assedio di Sarajevo è stato il più lungo assedio nella storia bellica della fine del XX secolo, iniziato 5 aprile del 1992 fino al 29 febbraio 1996. Un assedio durato 1272 giorni, le vittime stimane sono state circa 12.000 e i feriti oltre 50.000. Vide scontrarsi le forze del governo bosniaco , che aveva dichiarato l’indipendenza dalla Jugoslavia contro l'Armata Popolare Jugoslava (JNA) e le forze serbo-bosniache (VRS), che miravano a distruggere il neo-indipendente stato della Bosnia ed Erzegovina e a creare la Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina.
Sarajevo 1992. Vedran Smailovic, primo violoncellista della Filarmonica di Sarajevo, suona per 22 giorni “L’Adagio in Sol minore” di Albinoni tra le rotaie e i treni divelti dalle esplosioni. Ricorda in questo modo i sedici civili uccisi il 27 maggio 1992 da un colpo di mortaio mentre facevano la fila per comprare il pane.
1 / 31 ◄   ► ◄  1 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1992. Vedran Smailovic, primo violoncellista della Filarmonica di Sarajevo, suona per 22 giorni “L’Adagio in Sol minore” di Albinoni tra le rotaie e i treni divelti dalle esplosioni. Ricorda in questo modo i sedici civili uccisi il 27 maggio 1992 da un colpo di mortaio mentre facevano la fila per comprare il pane.
Sarajevo 1993, la sede del Parlamento della Bosnia Erzegovina bruciato dopo ripetuti bombardamenti sulla città assediata
2 / 31 ◄   ► ◄  2 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993, la sede del Parlamento della Bosnia Erzegovina bruciato dopo ripetuti bombardamenti sulla città assediata
Sarajevo 1992 - Arrivo dei civili feriti dai bombardamenti sulla  città assediata  all'ospedale Kosevo
3 / 31 ◄   ► ◄  3 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1992 - Arrivo dei civili feriti dai bombardamenti sulla città assediata all'ospedale Kosevo
Sarajevo 1993. Una fotografia del Maresciallo Tito, padre della Jugoslavia capitolata all’inizio degli Anni 90, tra le macerie di una scuola elementare
distrutta dai mortai serbi.
4 / 31 ◄   ► ◄  4 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993. Una fotografia del Maresciallo Tito, padre della Jugoslavia capitolata all’inizio degli Anni 90, tra le macerie di una scuola elementare
distrutta dai mortai serbi.
Sarajevo febbraio 1994, la disperazione di alcune donne pochi giorni dopo il massacro di Markale
5 / 31 ◄   ► ◄  5 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo febbraio 1994, la disperazione di alcune donne pochi giorni dopo il massacro di Markale
Sarajevo 1993, bombardamenti sulla città assediata
6 / 31 ◄   ► ◄  6 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993, bombardamenti sulla città assediata
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
7 / 31 ◄   ► ◄  7 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
8 / 31 ◄   ► ◄  8 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
Sarajevo 1994 - Operazione di un civile ferito da schegge di granata alla testa all'ospedale Kosevo
9 / 31 ◄   ► ◄  9 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1994 - Operazione di un civile ferito da schegge di granata alla testa all'ospedale Kosevo
Sarajevo 1993. Cecchino bosniaco nascosto in una casa distrutta spara alle postazioni serbe arroccate sulle colline.
10 / 31 ◄   ► ◄  10 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993. Cecchino bosniaco nascosto in una casa distrutta spara alle postazioni serbe arroccate sulle colline.
Sarajevo 1993. Una ragazza sfida la sorte attraversando di corsa il “viale dei cecchini”. A Sarajevo gli “sniper”  sparavano indiscriminatamente sulla popolazione. Erano appostati sulla collina che sovrasta la città: le vittime furono centinaia.
11 / 31 ◄   ► ◄  11 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993. Una ragazza sfida la sorte attraversando di corsa il “viale dei cecchini”. A Sarajevo gli “sniper” sparavano indiscriminatamente sulla popolazione. Erano appostati sulla collina che sovrasta la città: le vittime furono centinaia.
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline intorno alla città, un cimitero improvvisato nel quartiere di Dobrinja
12 / 31 ◄   ► ◄  12 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline intorno alla città, un cimitero improvvisato nel quartiere di Dobrinja
 Bosnia 1993 - Un bambino gioca con la coda di una bomba nella città assediata di Sarajevo
13 / 31 ◄   ► ◄  13 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Un bambino gioca con la coda di una bomba nella città assediata di Sarajevo
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline
14 / 31 ◄   ► ◄  14 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline
Bosnia 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
15 / 31 ◄   ► ◄  15 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline
16 / 31 ◄   ► ◄  16 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline
Sarajevo 1993, carcasse di automezzi  abbandonati e usati negli incroci delle strade per protezione dagli spari  dei cecchini
17 / 31 ◄   ► ◄  17 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993, carcasse di automezzi abbandonati e usati negli incroci delle strade per protezione dagli spari dei cecchini

Sabato 5 febbraio alle 12 e 10 un colpo di mortaio sparato dai serbi esplode sul mercato di Sarajevo: il bilancio è di sessantotto morti e duecento feriti. Padre e figlio pregano all’indomani della strage di “Markale” la morte della mamma
18 / 31 ◄   ► ◄  18 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sabato 5 febbraio alle 12 e 10 un colpo di mortaio sparato dai serbi esplode sul mercato di Sarajevo: il bilancio è di sessantotto morti e duecento feriti. Padre e figlio pregano all’indomani della strage di “Markale” la morte della mamma
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda con l'artiglieria dalle colline intorno alla città -  Tank delle Nazioni Unite
19 / 31 ◄   ► ◄  19 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda con l'artiglieria dalle colline intorno alla città - Tank delle Nazioni Unite
Sarajevo 1992, Posto di controllo delle Nazioni Unite a Grbavica - United National ceck-controll in Grbavica
20 / 31 ◄   ► ◄  20 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1992, Posto di controllo delle Nazioni Unite a Grbavica - United National ceck-controll in Grbavica

Sarajevo 1993 - Bombardamenti dell'artiglieria serba sulla città assediata
21 / 31 ◄   ► ◄  21 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993 - Bombardamenti dell'artiglieria serba sulla città assediata
Bosnia 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
22 / 31 ◄   ► ◄  22 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia 1992 - Reparto pediatrico all'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
Bosnia - Tunnel scavato clandestinamente dai bosniaci che partiva dal quartiere periferico di Dobrinja e passava sotto la pista dell'aeroporto di Sarajevo
23 / 31 ◄   ► ◄  23 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia - Tunnel scavato clandestinamente dai bosniaci che partiva dal quartiere periferico di Dobrinja e passava sotto la pista dell'aeroporto di Sarajevo
Bosnia 1994 - Una bomba inesplosa sul marciapiede di Sarajevo assediata
24 / 31 ◄   ► ◄  24 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia 1994 - Una bomba inesplosa sul marciapiede di Sarajevo assediata
Bosnia 1992 - Arrivo all'ospedale Kosevo dei civili feriti da schegge dei  bombardamenti
25 / 31 ◄   ► ◄  25 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia 1992 - Arrivo all'ospedale Kosevo dei civili feriti da schegge dei bombardamenti
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline intorno alla città - I morti civili vengono sepolti davanti allo stadio della città
26 / 31 ◄   ► ◄  26 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline intorno alla città - I morti civili vengono sepolti davanti allo stadio della città
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombardava con l'artiglieria  dalle alture delle colline
27 / 31 ◄   ► ◄  27 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombardava con l'artiglieria dalle alture delle colline
Sarajevo 1993 - Gli angeli di Sarajevo dipinti sui muri della Marsala Tito
28 / 31 ◄   ► ◄  28 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993 - Gli angeli di Sarajevo dipinti sui muri della Marsala Tito
Sarajevo 1993, ufficio postale distrutto dai bombardamenti
29 / 31 ◄   ► ◄  29 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993, ufficio postale distrutto dai bombardamenti
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda con l'artiglieria dalle colline intorno alla città
30 / 31 ◄   ► ◄  30 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Bosnia 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda con l'artiglieria dalle colline intorno alla città
Sarajevo 1993 - La città assediata per 1272 giorni. Marsala Tito
31 / 31 ◄   ► ◄  31 / 31  ► pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993 - La città assediata per 1272 giorni. Marsala Tito
loading