walkabout-ph.com logo

BALKANS
"Balcani, oltre il confine"
© Paolo Siccardi

© Paolo Siccardi - All rights reserved - Tutti i diritti sono riservati.
siccardi.walkaboutph@gmail.com

© Copyright 2020 - tutti i diritti sono riservati - all rights reserved. art. 70 della Legge 633/1941 sul diritto d'autore È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, delle immagini e dei contenuti presenti nel sito www.walkabout-ph.com

“Nei Balcani, le linee dei confini non erano solamente una cicatrice che correva sulle pianure, i fiumi, i laghi, sulla neve delle montagne; queste linee passavano sull’anima della gente che abitava queste regioni. A causa di questi confini i popoli erano perennemente in esilio.
A ogni guerra, una nuova suddivisione si apriva la via a una ridefinizione dei confini.E le guerre non finivano mai.
E ogni volta con i confini si ridefinivano le terre, le famiglie, la vita”

Tratto da “I libri di mio padre” di Luan Starova



BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
1 / 101 ‹   › ‹  1 / 101  › pause play enlarge slideshow
La rete metallica abbattuta nel 2004 divideva i quartieri periferici della città italiana di Gorizia con quella slovena di Nova Gorica
2 / 101 ‹   › ‹  2 / 101  › pause play enlarge slideshow
La rete metallica abbattuta nel 2004 divideva i quartieri periferici della città italiana di Gorizia con quella slovena di Nova Gorica
Gorizia, clandestini in fuga dalle guerre nei Balcani entrati illegalmente attraverso i buchi della rete, fermati dalle autorità italiane, schedati con impronte e foto segnaletiche
3 / 101 ‹   › ‹  3 / 101  › pause play enlarge slideshow
Gorizia, clandestini in fuga dalle guerre nei Balcani entrati illegalmente attraverso i buchi della rete, fermati dalle autorità italiane, schedati con impronte e foto segnaletiche
Gorizia, clandestini in fuga dalle guerre nei Balcani entrati illegalmente attraverso i buchi della rete, fermati dalle autorità italiane, schedati con impronte e foto segnaletiche
4 / 101 ‹   › ‹  4 / 101  › pause play enlarge slideshow
Gorizia, clandestini in fuga dalle guerre nei Balcani entrati illegalmente attraverso i buchi della rete, fermati dalle autorità italiane, schedati con impronte e foto segnaletiche
Gorizia, clandestini in fuga dalle guerre nei Balcani entrati illegalmente attraverso i buchi della rete, fermati dalle autorità italiane, schedati con impronte e foto segnaletiche
5 / 101 ‹   › ‹  5 / 101  › pause play enlarge slideshow
Gorizia, clandestini in fuga dalle guerre nei Balcani entrati illegalmente attraverso i buchi della rete, fermati dalle autorità italiane, schedati con impronte e foto segnaletiche
Gorizia, clandestini in fuga dalle guerre nei Balcani entrati illegalmente attraverso i buchi della rete, fermati dalle autorità italiane, schedati con impronte e foto segnaletiche
6 / 101 ‹   › ‹  6 / 101  › pause play enlarge slideshow
Gorizia, clandestini in fuga dalle guerre nei Balcani entrati illegalmente attraverso i buchi della rete, fermati dalle autorità italiane, schedati con impronte e foto segnaletiche
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
7 / 101 ‹   › ‹  7 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia 1994, sulla strada del monte Igman verso Sarajevo incrociando i tank delle Nazioni Unite
8 / 101 ‹   › ‹  8 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia 1994, sulla strada del monte Igman verso Sarajevo incrociando i tank delle Nazioni Unite
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
9 / 101 ‹   › ‹  9 / 101  › pause play enlarge slideshow
Mostar 1993, la rosa di una granata sull'asfalto
10 / 101 ‹   › ‹  10 / 101  › pause play enlarge slideshow
Mostar 1993, la rosa di una granata sull'asfalto
Spalato 1992, donne musulmane piangono la separazione dai propri mariti rimasti a combattere in Bosnia
11 / 101 ‹   › ‹  11 / 101  › pause play enlarge slideshow
Spalato 1992, donne musulmane piangono la separazione dai propri mariti rimasti a combattere in Bosnia
Mostar 1993, Semir nato e morto nello stesso anno
12 / 101 ‹   › ‹  12 / 101  › pause play enlarge slideshow
Mostar 1993, Semir nato e morto nello stesso anno
Bosnia, in ricordo dei dispersi e morti in guerra
13 / 101 ‹   › ‹  13 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, in ricordo dei dispersi e morti in guerra
Bosnia centrale, un pasto all’interno di un rifugio
14 / 101 ‹   › ‹  14 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia centrale, un pasto all’interno di un rifugio
Bosnia centrale, la disperazione di madre e figlia dopo un bombardamento
15 / 101 ‹   › ‹  15 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia centrale, la disperazione di madre e figlia dopo un bombardamento
Bosnia 1995, Amira mostra la fotografia di suo marito ucciso a Srebrenica dalle bande para militari serbe, il suo corpo non è mai stato ritrovato.
16 / 101 ‹   › ‹  16 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia 1995, Amira mostra la fotografia di suo marito ucciso a Srebrenica dalle bande para militari serbe, il suo corpo non è mai stato ritrovato.
Mostar 1993, anziana donna uccisa da un cecchino nella notte
17 / 101 ‹   › ‹  17 / 101  › pause play enlarge slideshow
Mostar 1993, anziana donna uccisa da un cecchino nella notte
Bosnia, la base dei Caschi Blu olandesi di Potocari vicino a Srebrenica dopo il genocidio del luglio 1995
18 / 101 ‹   › ‹  18 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, la base dei Caschi Blu olandesi di Potocari vicino a Srebrenica dopo il genocidio del luglio 1995
Bosnia 1995, profughi protetti dai Caschi Blu delle Nazioni Unite
19 / 101 ‹   › ‹  19 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia 1995, profughi protetti dai Caschi Blu delle Nazioni Unite
Bosnia Erzegovina – Tuzla, “Le Madri di Srebrenica” ricordano i loro cari uccisi dalla bande para militari serbe nell’enclave di Srebrenica nel luglio del 1995
20 / 101 ‹   › ‹  20 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia Erzegovina – Tuzla, “Le Madri di Srebrenica” ricordano i loro cari uccisi dalla bande para militari serbe nell’enclave di Srebrenica nel luglio del 1995
Bosnia, gli occhi di Bakira testimone al Tribunale dell'Aja contro i crimini di guerra
21 / 101 ‹   › ‹  21 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia, gli occhi di Bakira testimone al Tribunale dell'Aja contro i crimini di guerra
Bosnia – Tuzla, “Le Madri di Srebrenica” ricordano i loro cari uccisi dalla bande para militari serbe nell’enclave di Srebrenica nel luglio del 1995
22 / 101 ‹   › ‹  22 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia – Tuzla, “Le Madri di Srebrenica” ricordano i loro cari uccisi dalla bande para militari serbe nell’enclave di Srebrenica nel luglio del 1995
Bosnia - Mostar “Don’t  forget”. Il ponte simbolo della città ricostruito dopo i bombardamenti del 9 novembre 1993 da parte delle forze secessioniste croate che combattevano contro le forze governative bosniache.
23 / 101 ‹   › ‹  23 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia - Mostar “Don’t forget”. Il ponte simbolo della città ricostruito dopo i bombardamenti del 9 novembre 1993 da parte delle forze secessioniste croate che combattevano contro le forze governative bosniache.
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
24 / 101 ‹   › ‹  24 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993, la sede del Parlamento della Bosnia Erzegovina bruciato dopo ripetuti bombardamenti sulla città assediata
25 / 101 ‹   › ‹  25 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993, la sede del Parlamento della Bosnia Erzegovina bruciato dopo ripetuti bombardamenti sulla città assediata
Sarajevo 1994. La biblioteca distrutta e bruciata dai bombardamenti nella notte tra il 25 e il 26 agosto 1992 dalle forze Serbo Bosniache che bombardavano dalle colline intorno alla città
26 / 101 ‹   › ‹  26 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1994. La biblioteca distrutta e bruciata dai bombardamenti nella notte tra il 25 e il 26 agosto 1992 dalle forze Serbo Bosniache che bombardavano dalle colline intorno alla città
Sarajevo 1993. Una fotografia del Maresciallo Tito, padre della Jugoslavia capitolata all’inizio degli Anni 90, tra le macerie di una scuola elementare distrutta dalle bombe dei serbi.
27 / 101 ‹   › ‹  27 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993. Una fotografia del Maresciallo Tito, padre della Jugoslavia capitolata all’inizio degli Anni 90, tra le macerie di una scuola elementare distrutta dalle bombe dei serbi.
Sarajevo 1993, un cecchino appostato tra le distruzione delle case
28 / 101 ‹   › ‹  28 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993, un cecchino appostato tra le distruzione delle case
Sarajevo 1993. Una ragazza sfida la sorte attraversando di corsa il “viale dei cecchini”. A Sarajevo gli “sniper” sparavano indiscriminatamente sulla popolazione. Erano appostati sulla collina che sovrasta la città: le vittime furono centinaia.
29 / 101 ‹   › ‹  29 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993. Una ragazza sfida la sorte attraversando di corsa il “viale dei cecchini”. A Sarajevo gli “sniper” sparavano indiscriminatamente sulla popolazione. Erano appostati sulla collina che sovrasta la città: le vittime furono centinaia.
Sarajevo 1993 - La città assediata per 1272 giorni, tenuta sotto costante bombardamento dall'esercito serbo che bombardava dalle colline sulla città.
30 / 101 ‹   › ‹  30 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1993 - La città assediata per 1272 giorni, tenuta sotto costante bombardamento dall'esercito serbo che bombardava dalle colline sulla città.
Sarajevo 1992. Vedran Smailovic, primo violoncellista della Filarmonica di Sarajevo, suona per 22 giorni “L’Adagio in Sol minore” di Albinoni tra le rotaie e i treni divelti dalle esplosioni. Ricorda in questo modo i sedici civili uccisi il 27 maggio 1992 da un colpo di mortaio mentre facevano la fila per comprare il pane.
31 / 101 ‹   › ‹  31 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1992. Vedran Smailovic, primo violoncellista della Filarmonica di Sarajevo, suona per 22 giorni “L’Adagio in Sol minore” di Albinoni tra le rotaie e i treni divelti dalle esplosioni. Ricorda in questo modo i sedici civili uccisi il 27 maggio 1992 da un colpo di mortaio mentre facevano la fila per comprare il pane.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1272 giorni. Bambini giocano sui tram distrutti dai bombardamenti
32 / 101 ‹   › ‹  32 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1272 giorni. Bambini giocano sui tram distrutti dai bombardamenti
Sarajevo febbraio 1994, la disperazione di alcune donne pochi giorni dopo il massacro di Markale.
33 / 101 ‹   › ‹  33 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo febbraio 1994, la disperazione di alcune donne pochi giorni dopo il massacro di Markale.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1272 giorni.
34 / 101 ‹   › ‹  34 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo di Bosnia per 1272 giorni.
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1272 giorni.
35 / 101 ‹   › ‹  35 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia - Sarajevo assediata dall'esercito serbo per 1272 giorni.
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
36 / 101 ‹   › ‹  36 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
37 / 101 ‹   › ‹  37 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo Fojnica 1994, ospedale psichiatrico infantile a trenta chilometri da Sarajevo
Sarajevo 1992, la sala operatoria improvvisata dell’ospedale Kosevo
38 / 101 ‹   › ‹  38 / 101  › pause play enlarge slideshow
Sarajevo 1992, la sala operatoria improvvisata dell’ospedale Kosevo
Bosnia dicembre 1992 - Barelle insanguinate  davanti l'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
39 / 101 ‹   › ‹  39 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia dicembre 1992 - Barelle insanguinate davanti l'ospedale Kosevo nella città assediata di Sarajevo
Bosnia - settembre 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline
40 / 101 ‹   › ‹  40 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bosnia - settembre 1993 - Sarajevo assediata dall'esercito serbo che bombarda dalle colline
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
41 / 101 ‹   › ‹  41 / 101  › pause play enlarge slideshow
Albania 1997, alcune mamme piangono i propri figli morti per nell’esplosione della base militare di Qafa Shatama
42 / 101 ‹   › ‹  42 / 101  › pause play enlarge slideshow
Albania 1997, alcune mamme piangono i propri figli morti per nell’esplosione della base militare di Qafa Shatama
Albania 1997, una moschea sulla strada verso il nord
43 / 101 ‹   › ‹  43 / 101  › pause play enlarge slideshow
Albania 1997, una moschea sulla strada verso il nord
Albania 1997, funerali a Durazzo per un regolamento di conti fra clan rivali
44 / 101 ‹   › ‹  44 / 101  › pause play enlarge slideshow
Albania 1997, funerali a Durazzo per un regolamento di conti fra clan rivali
Albania 1997, giovani ragazzi morti per nell’esplosione della base militare di Qafa Shatama
45 / 101 ‹   › ‹  45 / 101  › pause play enlarge slideshow
Albania 1997, giovani ragazzi morti per nell’esplosione della base militare di Qafa Shatama
Albania 1997, in viaggio verso i funerali dei ragazzi morti a Qafa Shatama
46 / 101 ‹   › ‹  46 / 101  › pause play enlarge slideshow
Albania 1997, in viaggio verso i funerali dei ragazzi morti a Qafa Shatama
Albania 1989, piazza Skanderberg a Tirana
47 / 101 ‹   › ‹  47 / 101  › pause play enlarge slideshow
Albania 1989, piazza Skanderberg a Tirana
Albania 1999, frontiera di Morini con il Kosovo, esodo di profughi kosovari in fuga dalla pulizia etnica delle bande paramilitari serbe
48 / 101 ‹   › ‹  48 / 101  › pause play enlarge slideshow
Albania 1999, frontiera di Morini con il Kosovo, esodo di profughi kosovari in fuga dalla pulizia etnica delle bande paramilitari serbe
Albania 1999, campo di accoglienza per profughi kosovari fuggiti dopo la pulizia etnica delle milizia paramilitari serbe a Kukes
49 / 101 ‹   › ‹  49 / 101  › pause play enlarge slideshow
Albania 1999, campo di accoglienza per profughi kosovari fuggiti dopo la pulizia etnica delle milizia paramilitari serbe a Kukes
Albania 1997, in fuga con i profughi sui barconi che portano a Corfù durante la rivolta nella città di Saranda.
50 / 101 ‹   › ‹  50 / 101  › pause play enlarge slideshow
Albania 1997, in fuga con i profughi sui barconi che portano a Corfù durante la rivolta nella città di Saranda.
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
51 / 101 ‹   › ‹  51 / 101  › pause play enlarge slideshow
Kosovo 1999, esodo dei profughi kosovari in fuga verso il confine di Morini con l’Albania dopo la pulizia etnica delle milizie paramilitari serbe
52 / 101 ‹   › ‹  52 / 101  › pause play enlarge slideshow
Kosovo 1999, esodo dei profughi kosovari in fuga verso il confine di Morini con l’Albania dopo la pulizia etnica delle milizie paramilitari serbe
Kosovo 1999, ritrovamento dei documenti di ventitre persone trucidate e sepolte nella fossa comune di Celina. Il documento di AgimZeqir ucciso a undici anni
53 / 101 ‹   › ‹  53 / 101  › pause play enlarge slideshow
Kosovo 1999, ritrovamento dei documenti di ventitre persone trucidate e sepolte nella fossa comune di Celina. Il documento di AgimZeqir ucciso a undici anni
Kosovo 1999, Maurau Majredin imprigionato e torturato dalle milizie paramilitari a Leskovac
54 / 101 ‹   › ‹  54 / 101  › pause play enlarge slideshow
Kosovo 1999, Maurau Majredin imprigionato e torturato dalle milizie paramilitari a Leskovac
Kosovo 1999, ritrovamento di fosse comuni a Saradran
55 / 101 ‹   › ‹  55 / 101  › pause play enlarge slideshow
Kosovo 1999, ritrovamento di fosse comuni a Saradran
Kosovo 1999, ritrovamento di fosse comuni a Saradran
56 / 101 ‹   › ‹  56 / 101  › pause play enlarge slideshow
Kosovo 1999, ritrovamento di fosse comuni a Saradran
Kosovo, rientro dei kosovari nelle loro case dopo la risoluzione Onu del giugno 1999
57 / 101 ‹   › ‹  57 / 101  › pause play enlarge slideshow
Kosovo, rientro dei kosovari nelle loro case dopo la risoluzione Onu del giugno 1999
Kosovo villaggio di Nagavac, Flaowita con la nonna materna rientrate nella loro casa saccheggiata dalla bande paramilitari serbe dopo essere sfollate in Albania
58 / 101 ‹   › ‹  58 / 101  › pause play enlarge slideshow
Kosovo villaggio di Nagavac, Flaowita con la nonna materna rientrate nella loro casa saccheggiata dalla bande paramilitari serbe dopo essere sfollate in Albania
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
59 / 101 ‹   › ‹  59 / 101  › pause play enlarge slideshow
Serbia 1999, profughi serbi in fuga dal Kosovo verso Belgrado
60 / 101 ‹   › ‹  60 / 101  › pause play enlarge slideshow
Serbia 1999, profughi serbi in fuga dal Kosovo verso Belgrado
Serbia, un manifesto propagandistico di Milosevic su di un autobus di linea
61 / 101 ‹   › ‹  61 / 101  › pause play enlarge slideshow
Serbia, un manifesto propagandistico di Milosevic su di un autobus di linea
Belgrado 1992, manifestazione nazionalista serba
62 / 101 ‹   › ‹  62 / 101  › pause play enlarge slideshow
Belgrado 1992, manifestazione nazionalista serba
Gracanica 1999, ritrovamento di una bomba molotov inesplosa tra le macerie delle case bruciate nell'enclave serba protetta dalle Nazioni Unite
63 / 101 ‹   › ‹  63 / 101  › pause play enlarge slideshow
Gracanica 1999, ritrovamento di una bomba molotov inesplosa tra le macerie delle case bruciate nell'enclave serba protetta dalle Nazioni Unite
Kosovo Polje, “il Campo dei Merli”, dove nel 1389 i Turchi sconfissero i Cristiani e dove cinquecento anni più tardi Milosevic fece il discorso per la sua campagna elettorale
64 / 101 ‹   › ‹  64 / 101  › pause play enlarge slideshow
Kosovo Polje, “il Campo dei Merli”, dove nel 1389 i Turchi sconfissero i Cristiani e dove cinquecento anni più tardi Milosevic fece il discorso per la sua campagna elettorale
Serbia 1993, Un crocefisso sulla strada in Voivodina al confine con l'Ungheria
65 / 101 ‹   › ‹  65 / 101  › pause play enlarge slideshow
Serbia 1993, Un crocefisso sulla strada in Voivodina al confine con l'Ungheria
Belgrado 1992, icone ortodosse e fotografie del Principe Alexander II
66 / 101 ‹   › ‹  66 / 101  › pause play enlarge slideshow
Belgrado 1992, icone ortodosse e fotografie del Principe Alexander II
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
67 / 101 ‹   › ‹  67 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bulgaria Sofia, simboli dell’ex partito comunista in vendita sulle bancarelle
68 / 101 ‹   › ‹  68 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bulgaria Sofia, simboli dell’ex partito comunista in vendita sulle bancarelle
Bulgaria Veligrad, operaie all’uscita del turno di lavoro in fabbrica
69 / 101 ‹   › ‹  69 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bulgaria Veligrad, operaie all’uscita del turno di lavoro in fabbrica
Bulgaria, giovane ragazze nella chiesa ortodossa Alexander Nevski
70 / 101 ‹   › ‹  70 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bulgaria, giovane ragazze nella chiesa ortodossa Alexander Nevski
Bulgaria, vecchia bottega da barbiere a Sofia
71 / 101 ‹   › ‹  71 / 101  › pause play enlarge slideshow
Bulgaria, vecchia bottega da barbiere a Sofia
Manifestazione sindacalista in piazza a Sofia
72 / 101 ‹   › ‹  72 / 101  › pause play enlarge slideshow
Manifestazione sindacalista in piazza a Sofia
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
73 / 101 ‹   › ‹  73 / 101  › pause play enlarge slideshow
Romania Bucarest. Florina esce dal tombino dove si rifugia nella notte per sfuggire alle violenze delle bande criminali del quartiere
74 / 101 ‹   › ‹  74 / 101  › pause play enlarge slideshow
Romania Bucarest. Florina esce dal tombino dove si rifugia nella notte per sfuggire alle violenze delle bande criminali del quartiere
Romania Bucarest 1999, i ragazzi di strada che vivono nelle fogne del quartiere di Brancoveanu
75 / 101 ‹   › ‹  75 / 101  › pause play enlarge slideshow
Romania Bucarest 1999, i ragazzi di strada che vivono nelle fogne del quartiere di Brancoveanu
Romania Bucarest 1999, i ragazzi di strada che vivono nelle fogne del quartiere di Brancoveanu
76 / 101 ‹   › ‹  76 / 101  › pause play enlarge slideshow
Romania Bucarest 1999, i ragazzi di strada che vivono nelle fogne del quartiere di Brancoveanu
Romania Bucarest 1999, i ragazzi di strada che vivono nelle fogne del quartiere di Brancoveanu, Marecica tutte le notti prega rivolta al cielo
77 / 101 ‹   › ‹  77 / 101  › pause play enlarge slideshow
Romania Bucarest 1999, i ragazzi di strada che vivono nelle fogne del quartiere di Brancoveanu, Marecica tutte le notti prega rivolta al cielo
Romania Bucarest, Corina truccata da clown si prepara per scendere in strada
78 / 101 ‹   › ‹  78 / 101  › pause play enlarge slideshow
Romania Bucarest, Corina truccata da clown si prepara per scendere in strada
Romania, le medicine di Lenuta siero positiva ospite nella casa famiglia di Mino Damato a Singureni
79 / 101 ‹   › ‹  79 / 101  › pause play enlarge slideshow
Romania, le medicine di Lenuta siero positiva ospite nella casa famiglia di Mino Damato a Singureni
Romania, Lenuta nella casa famiglia per bambini siero positivi di Mino Damato a Singureni
80 / 101 ‹   › ‹  80 / 101  › pause play enlarge slideshow
Romania, Lenuta nella casa famiglia per bambini siero positivi di Mino Damato a Singureni
Romania, casa famiglia per bambini siero positivi di Mino Damato a Singureni
81 / 101 ‹   › ‹  81 / 101  › pause play enlarge slideshow
Romania, casa famiglia per bambini siero positivi di Mino Damato a Singureni
Romania, Orazio nella casa famiglia per bambini siero positivi di Mino Damato a Singureni
82 / 101 ‹   › ‹  82 / 101  › pause play enlarge slideshow
Romania, Orazio nella casa famiglia per bambini siero positivi di Mino Damato a Singureni
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
83 / 101 ‹   › ‹  83 / 101  › pause play enlarge slideshow
Moldavia, il delta del Danubio
84 / 101 ‹   › ‹  84 / 101  › pause play enlarge slideshow
Moldavia, il delta del Danubio
Moldavia, Iasi
85 / 101 ‹   › ‹  85 / 101  › pause play enlarge slideshow
Moldavia, Iasi
Moldavia, ragazzi mendicanti lungo la strada per Iasi
86 / 101 ‹   › ‹  86 / 101  › pause play enlarge slideshow
Moldavia, ragazzi mendicanti lungo la strada per Iasi
Moldavia 1999, Tichilesti ultimo lebbrosario d’Europa dove Ceausescu deportò le persone colpite dalla malattia
87 / 101 ‹   › ‹  87 / 101  › pause play enlarge slideshow
Moldavia 1999, Tichilesti ultimo lebbrosario d’Europa dove Ceausescu deportò le persone colpite dalla malattia
Moldavia, benedizione degli animali in chiesa durante la funzione religiosa per la Pasqua ortodossa
88 / 101 ‹   › ‹  88 / 101  › pause play enlarge slideshow
Moldavia, benedizione degli animali in chiesa durante la funzione religiosa per la Pasqua ortodossa
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
89 / 101 ‹   › ‹  89 / 101  › pause play enlarge slideshow
Macedonia, bambino mendicante sul ponte di pietra del fiume Vardar a Skopje
90 / 101 ‹   › ‹  90 / 101  › pause play enlarge slideshow
Macedonia, bambino mendicante sul ponte di pietra del fiume Vardar a Skopje
Macedonia, lettura del Corano nella moschea Mustafa Pasha a Tetovo
91 / 101 ‹   › ‹  91 / 101  › pause play enlarge slideshow
Macedonia, lettura del Corano nella moschea Mustafa Pasha a Tetovo
Macedonia, Tahir Emini, ultimo maestro Sufi Derviscio dei Balcani che vive nel monastero Arabati Baba a Tetovo
92 / 101 ‹   › ‹  92 / 101  › pause play enlarge slideshow
Macedonia, Tahir Emini, ultimo maestro Sufi Derviscio dei Balcani che vive nel monastero Arabati Baba a Tetovo
Macedonia, bottega di un barbiere a Tetovo
93 / 101 ‹   › ‹  93 / 101  › pause play enlarge slideshow
Macedonia, bottega di un barbiere a Tetovo
Macedonia, monastero ortodosso di Caneo sul lago di Ohrid
94 / 101 ‹   › ‹  94 / 101  › pause play enlarge slideshow
Macedonia, monastero ortodosso di Caneo sul lago di Ohrid
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
95 / 101 ‹   › ‹  95 / 101  › pause play enlarge slideshow
Confine tra Grecia e Macedonia, in viaggio verso Salonicco
96 / 101 ‹   › ‹  96 / 101  › pause play enlarge slideshow
Confine tra Grecia e Macedonia, in viaggio verso Salonicco
Macedonia, Florina ultima stazione di confine
97 / 101 ‹   › ‹  97 / 101  › pause play enlarge slideshow
Macedonia, Florina ultima stazione di confine
Grecia 1999, Salonicco
98 / 101 ‹   › ‹  98 / 101  › pause play enlarge slideshow
Grecia 1999, Salonicco
Grecia 1999, Salonicco
99 / 101 ‹   › ‹  99 / 101  › pause play enlarge slideshow
Grecia 1999, Salonicco
L'Adriatico, la frontiera opposta
100 / 101 ‹   › ‹  100 / 101  › pause play enlarge slideshow
L'Adriatico, la frontiera opposta
BALKANS<br>"Balcani, oltre il confine"<br>  © Paolo Siccardi
101 / 101 ‹   › ‹  101 / 101  › pause play enlarge slideshow
Link
https://www.walkabout-ph.com/balkans_balcani_oltre_il_confine_copy_paolo_siccardi-r9197

Share link on
CLOSE
loading