walkabout-ph.com logo

"Dont Forget"
© Paolo Siccardi

© Paolo Siccardi - All rights reserved - Tutti i diritti sono riservati.
siccardi.walkaboutph@gmail.com

© Copyright 2020 - tutti i diritti sono riservati - all rights reserved. art. 70 della Legge 633/1941 sul diritto d'autore È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, delle immagini e dei contenuti presenti nel sito www.walkabout-ph.com

Tra il 1933 e il 1945 la Germania nazista fece uso su vasta scala dei campi di concentramento e dei campi di sterminio, per detenere ebrei, testimoni di Geova, zingari, omosessuali, prigionieri di guerra e dissidenti politici e sterminarli sistematicamente (inizialmente con l'ossido di piombo poi con il gas Zyklon B, anche se in alcuni casi, soprattutto in campi improvvisati o sul finire della guerra al momento dell'evacuazione, si fece ricorso all'uso di mitragliatrici). Non esiste un vero numero delle persone morte nei numerosi lager nazisti, si pensa dai 15 ai 17 milioni di persone sterminate.



Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
1 / 77 ‹   › ‹  1 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti  alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. Le torrette delle sentinelle all'esterno del campo.
2 / 77 ‹   › ‹  2 / 77  › pause play enlarge slideshow
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. Le torrette delle sentinelle all'esterno del campo.
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone. L'entrata al lager di Auschwitz dove padroneggia la scritta: "Il lavoro rende gli uomini liberi"
3 / 77 ‹   › ‹  3 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone. L'entrata al lager di Auschwitz dove padroneggia la scritta: "Il lavoro rende gli uomini liberi"
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone.
4 / 77 ‹   › ‹  4 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone.
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
5 / 77 ‹   › ‹  5 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
6 / 77 ‹   › ‹  6 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone. Pio Bigo superstite del campo di concentramento di Auschwitz con il numero del tatuaggio
7 / 77 ‹   › ‹  7 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone. Pio Bigo superstite del campo di concentramento di Auschwitz con il numero del tatuaggio
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone. Pio Bigo superstite del campo di concentramento di Auschwitz con tatuato il numero di matricola sul braccio
8 / 77 ‹   › ‹  8 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone. Pio Bigo superstite del campo di concentramento di Auschwitz con tatuato il numero di matricola sul braccio
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone.
9 / 77 ‹   › ‹  9 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone.
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti  alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. Fotografie tolte all'entrata del campo ai prigionieri.
10 / 77 ‹   › ‹  10 / 77  › pause play enlarge slideshow
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. Fotografie tolte all'entrata del campo ai prigionieri.
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
11 / 77 ‹   › ‹  11 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
12 / 77 ‹   › ‹  12 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
13 / 77 ‹   › ‹  13 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone.
14 / 77 ‹   › ‹  14 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone.
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
15 / 77 ‹   › ‹  15 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
16 / 77 ‹   › ‹  16 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
17 / 77 ‹   › ‹  17 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone. Le baracche all'interno del campo di concentramento.
18 / 77 ‹   › ‹  18 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone. Le baracche all'interno del campo di concentramento.
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti  alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
19 / 77 ‹   › ‹  19 / 77  › pause play enlarge slideshow
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone.
20 / 77 ‹   › ‹  20 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone.
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti  alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
21 / 77 ‹   › ‹  21 / 77  › pause play enlarge slideshow
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti  alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
22 / 77 ‹   › ‹  22 / 77  › pause play enlarge slideshow
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
23 / 77 ‹   › ‹  23 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
24 / 77 ‹   › ‹  24 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone.
25 / 77 ‹   › ‹  25 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone.
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
26 / 77 ‹   › ‹  26 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
27 / 77 ‹   › ‹  27 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
28 / 77 ‹   › ‹  28 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
29 / 77 ‹   › ‹  29 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
30 / 77 ‹   › ‹  30 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone. Forni crematori nel lager.
31 / 77 ‹   › ‹  31 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone. Forni crematori nel lager.
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone. Pio Bigo superstite del campo di concentramento di Auschwitz
32 / 77 ‹   › ‹  32 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone. Pio Bigo superstite del campo di concentramento di Auschwitz
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone. Pio Bigo superstite del campo di concentramento di Auschwitz
33 / 77 ‹   › ‹  33 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone. Pio Bigo superstite del campo di concentramento di Auschwitz
Marisa Scala (il cui vero nome era Teresa), ex deportata nel campo delle SS di Bolzano. Si era trasferita a Torino nel 1939 e, durante la guerra, si era avvicinata a personaggi di Giustizia e Libertà. Divenuta partigiana durante la guerra di liberazione, era stata catturata tre volte dai tedeschi e rinchiusa nella famigerata caserma di via Asti di Torino per poi essere deportata a Bolzano e liberata solo alla fine della guerra.
34 / 77 ‹   › ‹  34 / 77  › pause play enlarge slideshow
Marisa Scala (il cui vero nome era Teresa), ex deportata nel campo delle SS di Bolzano. Si era trasferita a Torino nel 1939 e, durante la guerra, si era avvicinata a personaggi di Giustizia e Libertà. Divenuta partigiana durante la guerra di liberazione, era stata catturata tre volte dai tedeschi e rinchiusa nella famigerata caserma di via Asti di Torino per poi essere deportata a Bolzano e liberata solo alla fine della guerra.
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti  alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
35 / 77 ‹   › ‹  35 / 77  › pause play enlarge slideshow
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti  alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
36 / 77 ‹   › ‹  36 / 77  › pause play enlarge slideshow
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti  alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
37 / 77 ‹   › ‹  37 / 77  › pause play enlarge slideshow
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti  alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
38 / 77 ‹   › ‹  38 / 77  › pause play enlarge slideshow
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti  alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
39 / 77 ‹   › ‹  39 / 77  › pause play enlarge slideshow
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
40 / 77 ‹   › ‹  40 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
41 / 77 ‹   › ‹  41 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
42 / 77 ‹   › ‹  42 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti  alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
43 / 77 ‹   › ‹  43 / 77  › pause play enlarge slideshow
Auschwitz II (Birkenau) Vernichtungslager (campo di sterminio). Era l'immenso lager nel quale persero la vita oltre un milione e centomila persone, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari. Dopo l'arrivo dei prigionieri, questi venivano selezionati e quelli inabili al lavoro venivano condotti alle camere a gas con lo scopo di essere uccisi. I binari del treno entravano per scaricare i deportati davanti al lager.
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono  circa 70 000 persone
44 / 77 ‹   › ‹  44 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Auschwitz fu reso operativo dal 14 giugno 1940 ed è stato un vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro situato nelle vicinanze della cittadina polacca di Oświęcim dove morirono circa 70 000 persone
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
45 / 77 ‹   › ‹  45 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
46 / 77 ‹   › ‹  46 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
47 / 77 ‹   › ‹  47 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
48 / 77 ‹   › ‹  48 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
49 / 77 ‹   › ‹  49 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas. Natale Pia superstite di Mathausen
50 / 77 ‹   › ‹  50 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas. Natale Pia superstite di Mathausen
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas. Natale Pia superstite di Mathausen
51 / 77 ‹   › ‹  51 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas. Natale Pia superstite di Mathausen
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
52 / 77 ‹   › ‹  52 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
53 / 77 ‹   › ‹  53 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
54 / 77 ‹   › ‹  54 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
55 / 77 ‹   › ‹  55 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
56 / 77 ‹   › ‹  56 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il campo di concentramento di Gusen è stato un lager della Germania nazista composto da tre dei quarantanove sottocampi del campo principale di Mauthausen. I tre campi di concentramento erano situati nei pressi delle piccole cittadine di Langenstein e Sankt Georgen an der Gusen.
57 / 77 ‹   › ‹  57 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Gusen è stato un lager della Germania nazista composto da tre dei quarantanove sottocampi del campo principale di Mauthausen. I tre campi di concentramento erano situati nei pressi delle piccole cittadine di Langenstein e Sankt Georgen an der Gusen.
Il campo di concentramento di Gusen è stato un lager della Germania nazista composto da tre dei quarantanove sottocampi del campo principale di Mauthausen. I tre campi di concentramento erano situati nei pressi delle piccole cittadine di Langenstein e Sankt Georgen an der Gusen.
58 / 77 ‹   › ‹  58 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il campo di concentramento di Gusen è stato un lager della Germania nazista composto da tre dei quarantanove sottocampi del campo principale di Mauthausen. I tre campi di concentramento erano situati nei pressi delle piccole cittadine di Langenstein e Sankt Georgen an der Gusen.
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale. Marcello Martini superstite di Mathausen
59 / 77 ‹   › ‹  59 / 77  › pause play enlarge slideshow
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale. Marcello Martini superstite di Mathausen
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale
60 / 77 ‹   › ‹  60 / 77  › pause play enlarge slideshow
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale. Marcello Martini superstite di Mathausen
61 / 77 ‹   › ‹  61 / 77  › pause play enlarge slideshow
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale. Marcello Martini superstite di Mathausen
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale. Natale Pia superstite di Mathausen
62 / 77 ‹   › ‹  62 / 77  › pause play enlarge slideshow
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale. Natale Pia superstite di Mathausen
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale. Marcello Martini con  Natale Pia superstiti di Mathausen
63 / 77 ‹   › ‹  63 / 77  › pause play enlarge slideshow
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale. Marcello Martini con Natale Pia superstiti di Mathausen
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale. Marcello Martini con  Natale Pia superstiti di Mathausen
64 / 77 ‹   › ‹  64 / 77  › pause play enlarge slideshow
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale. Marcello Martini con Natale Pia superstiti di Mathausen
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale
65 / 77 ‹   › ‹  65 / 77  › pause play enlarge slideshow
Memoriale di Ebensee vicino al campo di concentramento di Hinterbrühl. Quando il campo si fermò, 1800 detenuti furono inviati in una marcia della morte da 200 chilometri a Mauthausen. Solo pochi sono sopravvissuti. Prima dell'inizio della marcia, 51 donne sono state uccise nel campo con iniezioni di carburante e sepolte in una fossa comune dove ora si trova il memoriale
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
66 / 77 ‹   › ‹  66 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
67 / 77 ‹   › ‹  67 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il lager di concentramento di Mauthausen è stato campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro. Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas
Il Museo Monumento al Deportato di Carpi è un museo storico sulla deportazione e sui campi di concentramento nazisti inaugurato nel 1973. 
68 / 77 ‹   › ‹  68 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il Museo Monumento al Deportato di Carpi è un museo storico sulla deportazione e sui campi di concentramento nazisti inaugurato nel 1973. 
Il Museo Monumento al Deportato di Carpi è un museo storico sulla deportazione e sui campi di concentramento nazisti inaugurato nel 1973. 
69 / 77 ‹   › ‹  69 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il Museo Monumento al Deportato di Carpi è un museo storico sulla deportazione e sui campi di concentramento nazisti inaugurato nel 1973. 
Il Museo Monumento al Deportato di Carpi è un museo storico sulla deportazione e sui campi di concentramento nazisti inaugurato nel 1973. 
70 / 77 ‹   › ‹  70 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il Museo Monumento al Deportato di Carpi è un museo storico sulla deportazione e sui campi di concentramento nazisti inaugurato nel 1973. 
Il Museo Monumento al Deportato di Carpi è un museo storico sulla deportazione e sui campi di concentramento nazisti inaugurato nel 1973. 
71 / 77 ‹   › ‹  71 / 77  › pause play enlarge slideshow
Il Museo Monumento al Deportato di Carpi è un museo storico sulla deportazione e sui campi di concentramento nazisti inaugurato nel 1973. 
L'eccidio di Sant'Anna fu un crimine iniziato all'alba del 12 agosto 1944 commesso dai soldati nazisti della 16. SS-Panzergrenadier-Division "Reichsführer-SS", comandata dal generale Max Simon. Nel giro di cinque giorni uccisero oltre 340 persone, mitragliate, impiccate o bruciate con i lanciafiamme.
72 / 77 ‹   › ‹  72 / 77  › pause play enlarge slideshow
L'eccidio di Sant'Anna fu un crimine iniziato all'alba del 12 agosto 1944 commesso dai soldati nazisti della 16. SS-Panzergrenadier-Division "Reichsführer-SS", comandata dal generale Max Simon. Nel giro di cinque giorni uccisero oltre 340 persone, mitragliate, impiccate o bruciate con i lanciafiamme.
Trieste, la risiera di San Sabba è stato un lager nazifascista, utilizzato come campo di detenzione di polizia nonché per il transito o l'uccisione di un gran numero di detenuti, in prevalenza prigionieri politici o ebrei. Le vittime, stimate fra le 3000 e le 5000 venivano fucilate, uccise con un colpo di mazza alla nuca, impiccate oppure avvelenate con i gas di scarico
73 / 77 ‹   › ‹  73 / 77  › pause play enlarge slideshow
Trieste, la risiera di San Sabba è stato un lager nazifascista, utilizzato come campo di detenzione di polizia nonché per il transito o l'uccisione di un gran numero di detenuti, in prevalenza prigionieri politici o ebrei. Le vittime, stimate fra le 3000 e le 5000 venivano fucilate, uccise con un colpo di mazza alla nuca, impiccate oppure avvelenate con i gas di scarico
Trieste, la risiera di San Sabba è stato un lager nazifascista, utilizzato come campo di detenzione di polizia nonché per il transito o l'uccisione di un gran numero di detenuti, in prevalenza prigionieri politici o ebrei. Le vittime, stimate fra le 3000 e le 5000 venivano fucilate, uccise con un colpo di mazza alla nuca, impiccate oppure avvelenate con i gas di scarico
74 / 77 ‹   › ‹  74 / 77  › pause play enlarge slideshow
Trieste, la risiera di San Sabba è stato un lager nazifascista, utilizzato come campo di detenzione di polizia nonché per il transito o l'uccisione di un gran numero di detenuti, in prevalenza prigionieri politici o ebrei. Le vittime, stimate fra le 3000 e le 5000 venivano fucilate, uccise con un colpo di mazza alla nuca, impiccate oppure avvelenate con i gas di scarico
Trieste, la risiera di San Sabba è stato un lager nazifascista, utilizzato come campo di detenzione di polizia nonché per il transito o l'uccisione di un gran numero di detenuti, in prevalenza prigionieri politici o ebrei. Le vittime, stimate fra le 3000 e le 5000 venivano fucilate, uccise con un colpo di mazza alla nuca, impiccate oppure avvelenate con i gas di scarico
75 / 77 ‹   › ‹  75 / 77  › pause play enlarge slideshow
Trieste, la risiera di San Sabba è stato un lager nazifascista, utilizzato come campo di detenzione di polizia nonché per il transito o l'uccisione di un gran numero di detenuti, in prevalenza prigionieri politici o ebrei. Le vittime, stimate fra le 3000 e le 5000 venivano fucilate, uccise con un colpo di mazza alla nuca, impiccate oppure avvelenate con i gas di scarico
Trieste, la risiera di San Sabba è stato un lager nazifascista, utilizzato come campo di detenzione di polizia nonché per il transito o l'uccisione di un gran numero di detenuti, in prevalenza prigionieri politici o ebrei. Le vittime, stimate fra le 3000 e le 5000 venivano fucilate, uccise con un colpo di mazza alla nuca, impiccate oppure avvelenate con i gas di scarico
76 / 77 ‹   › ‹  76 / 77  › pause play enlarge slideshow
Trieste, la risiera di San Sabba è stato un lager nazifascista, utilizzato come campo di detenzione di polizia nonché per il transito o l'uccisione di un gran numero di detenuti, in prevalenza prigionieri politici o ebrei. Le vittime, stimate fra le 3000 e le 5000 venivano fucilate, uccise con un colpo di mazza alla nuca, impiccate oppure avvelenate con i gas di scarico
La strage di Marzabotto o più correttamente eccidio di Monte Sole fu un insieme di stragi compiute dalle truppe nazifasciste in Italia tra il 29 settembre e il 5 ottobre 1944, furono uccise 775 morti.
77 / 77 ‹   › ‹  77 / 77  › pause play enlarge slideshow
La strage di Marzabotto o più correttamente eccidio di Monte Sole fu un insieme di stragi compiute dalle truppe nazifasciste in Italia tra il 29 settembre e il 5 ottobre 1944, furono uccise 775 morti.
Share
Link
https://www.walkabout-ph.com/dont_forget_copy_paolo_siccardi-r13112
CLOSE
loading